Home Attualità

“Masha e Orso” nella bufera. Gli inglesi: “E’ filo-Putin”

CONDIVIDI

 

(©YouTube)

“Masha e Orso” diventa un caso diplomatico. Per i media britannici in una puntata ci sarebbe nascosto un messaggio politico .Anche altri Paesi hanno protestato.

È tra i cartoni animati più amati e seguiti dai bambini di tutto il mondo, con un giro d’affari del merchandising da fare girare la testa, ma è altresì il più analizzato da studiosi e critici per i messaggi subliminali a favore del governo russo che,  secondo quanto sostenuto dai detrattori, si nasconderebbero dietro le avventure dei due protagonisti.
Lanciato nel 2009 dal piccolo studio creativo e di produzione moscovita Animaccord, “Masha e Orso” è stato finora distribuito in 120 Paesi e tradotto in 25 lingue diverse.
Ma se i più piccoli, nella loro giusta innocenza, tendono a identificarsi nella dolce e pestifera  bimba, sempre pronta a fare capricci pur di averla vinta, nel mondo degli adulti c’è chi continua ad essere convinto che la serie animata non sarebbe nient’altro che un modo soft e romantico di fare propaganda pro Vladimir Putin.

Per conoscere tutte le notizie più curiose dall’Italia e dal mondo cliccate qui

Una vecchia battaglia contro

(©Russia Planet)
Le  proteste nei confronti del cartoon, quindi, non sono nuove. Già qualche anno fa  Estonia, Lettonia e Ucraina, tutti Paesi dell’ex URSS, avevano chiesto la sospensione del programma. Adesso al loro fianco si è schierata anche l’Inghilterra. In particolare il prestigioso quotidiano The Times secondo cui nell’episodio intitolato “Vietato Passare” (12° della stagione 1) si nasconderebbe qualcosa di anomalo.
Per chi non conoscesse la serie e la puntata nello specifico, Orso, disperato perché le carote che semina nel suo orto vengono costantemente mangiate da un dispettoso coniglio, chiede a Masha di fare la guardia e di cacciare il ladro di turno. Per farla sentire importante e darle l’idea di essere in una missione ufficiale, “l’amico peloso” le dona un capello, il tipico baschetto del servizio federale di sicurezza.
Ed è proprio su questo punto che è scattato il caos diplomatico. Secondo i britannici il vero significato della richiesta che Orso fa a Masha sarebbe quello di preservare i confini russi dall’attacco straniero. Ecco perché l’uso del cappello e dell’incedere a moì’ di marcia che fa la bambina mentre staziona nel campo.

La risposta dell’Ambasciata

Probabilmente incredula per questo putiferio senza senso, l’ambasciata russa in UK ha ribattuto alle accuse con un irridente Tweet.
Come potrà essere salvato il Regno Unito da “Masha e Orso”? Mettendo tutti i fumettisti nella lista delle sanzioni dell’Unione Europea? Lanciando un Centro d’Eccellenza Anti-Cartoni Animati da qualche parte nel Baltico.E’ certamente necessario un approccio deciso“, si legge sulla piattaforma sociale che giustamente sbeffeggia questo inutile affaire in un momento così delicato per il Vecchio Continente.