Home Attualità

Cuoco Killer, violento e sadico, ecco chi è il maniaco seriale

CONDIVIDI

Modena, arrestato il cuoco Killer che ha violentato e ucciso diverse donne a Modena, il profilo psicologico emerso dell’uomo è sconcertante.

Definito dalla polizia un ‘maniaco seriale’, da diversi giorni sitrova nel carcere di Sant’Anna arrestato per omicidio, tentato sequestro di persona e violenza sessuale un cuoco di 34 anni. Violento e sadico, la polizia conferma che era pronto a colpire ancora.

“Violento e sadico, pronto a colpire ancora”

Maniaco seriale, chi è il cuoco killer

L’ultima denuncia risale a 10 giorni fa, il 2Settembre scorso una ragazza di soli diciotto anni ha denunciato di  aver subito un tentato sequestro a Savignano sul Panaro, da un uomo che si era spacciato per un funzionario dell’Arma, come dimostra anche il fermo immagine del video dei carabinieri di Modena.

E’ stato arrestato il cuoco di 34 anni ritenuto colpevole di violenze e sadismo ai danni di diverse donne di Genova. Tra le vittime che sono cadute nella sua rete, una donna violentata a Zocca, una prostituta uccisa e poi carbonizzata a San Cataldo, una ragazza vittima di un tentato sequestro a Savignano.

L’uomo ludopatico e tossicodipendente, originario di Napoli viveva a Modena, e secondo gli inquirenti “avrebbe continuato a colpire tranquillamente” se non lo avessero fermato.

“Sceglieva solo vittime magre e minute, incapaci di difendersi […] Il fattore che accomuna tutte le vittime è che erano esili, persone che lui considerava deboli e poteva facilmente sopraffare […] Si capisce dalla violenza carnale che ha perpetrato  che denota uno spregio della vittima, la volontà di umiliarla e farle male”. Questo il profilo agghiacciante de cuoco killer secondo la polizia.

Dopo i delitti l’uomo era solito giocare ai videopoker. Un ‘uomo freddo e perverso, dopo aver brutalmente violentato una donna a Zocca che conosceva molto bene e che si stava recando al lavoro, ccanto all’auto dell figlia della sua compagna, le getta addosso un liquido e poi accende un fiammifero. Si trattava di acqua ma anche del presagio del delitto che avrebbe compiuto successivamente, quando dopo aver brutalmente violentato una donna, ha carbonizzato il suo corpo.

Ti potrebbe interessare anche—>>>Caso Cucchi, il carabiniere imputato confessa e accusa i colleghi

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI