Home Attualità

Incendio Pisa, paura per centinaia di sfollati

CONDIVIDI
incendio Pisa
Il Monte Serra prima dell’incendio

Un vasto incendio a Pisa sta distruggendo oltre 600 ettari di boscaglia intorno al monte Serra: sfollate centinaia di persone nella zona di Calci

L’incendio di Pisa sta devastando buona parte della foresta intorno al monte Serra, con qualche pericolo incombente per la popolazione circostante. Momenti di apprensione per circa 500 persone che abitano nella cittadina di Calci, sfollate onde evitare possibili ripercussioni per il fuoco e per le esalazioni. Il sindaco di Calci, Massimiliano Ghimenti, ha scritto un post su Facebook in cui consiglia a tutti i suoi concittadini di lasciare per un po’ le proprie abitazioni, in via preventiva. In particolare le zone più coinvolte dal timore di qualche conseguenza sono la frazione di Montemagno e le zone di Torre e San Lorenzo. Per il momento gli sfollati sono circa un centinaio, che si sono ritrovati nella palestra comunale, ma si ipotizza possano superare le 500 persone. Ed è di circa 600 ettari andati a fuoco la prima stima dell’incendio di Pisa, che sta interessando il monte Serra, nel territorio del comune di Calci. Una situazione parecchio complicata, che sta richiedendo l’ausilio di forze speciali provenienti anche dalle altre regioni. Alcune squadre dei vigili del fuoco stanno per arrivare dall’Emilia Romagna, mentre dall’aeroporto di Napoli Capodichino è partito un elicottero S64 in dotazione alla Forestale. Due Canadair sono già operativi, mentre 4 elicotteri antincendio della Regione non possono decollare al momento a causa del vento eccessivo. Ancora ignote le cause dell’incendio, ma si sospetta sia di origine dolosa.

Incendio Pisa, arrivano i rinforzi: la situazione

incendio Pisa
Incendio Pisa

Rischia di salire il numero di sfollati nelle zone di Calci e Montemagno dopo l’incendio che a Pisa sta devastando tutta la zona intorno al monte Serra. Impegnati da ore Vigili del fuoco e protezione civile, che stanno trovando enormi difficoltà a causa del forte vento che sta complicando sia gli interventi che l’entità delle fiamme. Non si registrano feriti né morti, ma c’è tanta paura che le fiamme arrivino ai centri abitati, rendendo il bollettino parecchio più drammatico. Le fiamme, probabilmente di origine dolosa, sono iniziate intorno alle 22 di ieri. Da questa notte, spiega il Governatore della Toscana, stanno operando 180 squadre antincendio e 50 volontari della protezione civile per assistere i 500 sfollati.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI