Home Outfit

Abbigliamento in ufficio: tutto quello da evitare in estate

CONDIVIDI

Donna in ufficio

Cosa non indossare in ufficio, anche se il caldo uccide. Le regole dell’abbigliamento in ambito lavorativo sono chiare: ecco cosa evitare.

Il gran caldo spinge chiunque a indossare meno strati di vestiti possibile. Esiste però una decenza in ambito lavorativo da rispettare in ogni caso, senza eccezioni. Esistono dunque cose che è assolutamente vietato indossare, anche con 40 gradi. Se magari siete in cerca di lavoro e dovete affrontare un colloquio? La guida che seguirà fa anche al vostro caso. Nessuno vuole dare una cattiva impressione al nuovo capo.

Il galateo dell’ufficio impedisce di sfoggiare dieci elementi nello specifico, ed eccoli analizzati nel dettaglio. Dal prendisole al crop top, ecco dunque gli outfit da evitare assolutamente a lavoro.

Galateo in ufficio: cosa non indossare in estate

costume
iStock Photo

Partiamo con il prendisole. Si tratta di un abitino leggero, al quale possiamo accomunare anche i caftani che, al di là dei ricami che possono avere, sono tipicamente da passeggiata sul lungomare, magari con il costume pronto al di sotto, per un rapido bagno. Qualcosa da tenere pronto unicamente per la valigia, a un passo dalla partenza, non per recarsi in ufficio la mattina.

Se parliamo di strapless facciamo riferimento a tutto ciò che vada a lasciare la schiena scoperta, così come le spalle. Vietati assolutamente gli abitini a fascia, che non affatto adatti agli ambienti lavorativi. Situazioni imbarazzanti dietro l’angolo con un top a fascia, quando magari sarà necessario allungarsi per prendere un fascicolo molto in alto. Meglio evitare di dare spettacolo.

Da evitare anche le canottiere, al di là della tipologia. Che abbia uno scollo, che sia all’americana o a giro manica. Non è professionale e, se proprio non si riesce a resistere, almeno un blazer a coprire il tutto.

Decisamente poco professionali le camicie extra large. Non si consiglia di certo di vestire con abiti aderenti, in generale e figurarsi d’estate. Esiste però una via di mezzo tra le due strade. Quella sarà vincente.

L’ufficio non è il luogo adatto per sfoggiare l’abbronzatura da mare o da lettino abbronzante. Dimenticate dunque il crop top. Niente pancia a nudo o décolleté in mostra.

Il decoro va sempre rispettato, di conseguenza ricorrere a tessuti con minori centimetri può di certo far sentire più freschi, ma al tempo stesso può mettere in imbarazzo i colleghi. Addio dunque a shorts e micro gonne.

Neanche a dirlo, in ufficio occorre indossare delle scarpe. Dalle ciabatte alle infradito, tutto questo catalogo è vietato. Si tratta di accessori da spiaggia o piscina.

In tante, potendo, corrono a prendere il sole in terrazza in pausa pranzo. Cosa c’è di sbagliato? Il fatto d’avere al di sotto dei vestiti il costume, con laccetto in bella mostra al collo.

Lino bianco sul posto di lavoro va benissimo, così come il cotone. Ci tengono fresche, ma attenzione alle trasparenze, che non fanno bene a nessuno.