Home Attualità

Governo, accordo PD-Movimento? Le parole del segretario Martina

CONDIVIDI
Maurizio Martina PD
Maurizio Martina (Getty Images)

Il PD interpellato sulla formazione del Governo: la risposta di Martina

Si va ormai verso un Governo che unirebbe il Movimento 5 Stelle con il Partito Democratico, in un “turiamoci il naso” che probabilmente non piace a nessuna delle due parti ma che appare al momento come il male minore per non condurre il Paese verso il tracollo completo. L’Italia è una barca alla deriva, sono ormai quasi 2 mesi che ci sono state le elezioni e non si vede la luce per la formazione del nuovo Governo. Il presidente della Camera Roberto Fico si è assunto l’incarico di iniziare queste consultazioni con le delegazioni Pd e M5s  per portare avanti le trattative finalizzate ad un Governo che possa quantomeno cambiare la legge elettorale, ed è pronto un secondo giro di consultazioni per giovedì 26 aprile.

Un atto di “responsabilità”, secondo tanti, e fra questi c’è anche Maurizio Martina, attuale segretario reggente del Partito Democratico, che a margine di una manifestazione dell’Anpi a Roma spiega come sia indispensabile in questo momento almeno “provare” a fare un Governo: “C’è preoccupazione vera rispetto a un governo a trazione leghista – ha detto Martina – L’impressione che ho è che tanti chiedano di provare a fare un lavoro, anche se è complicato, onde evitare di lasciare il Paese a derive pericolose”.

Governo, possibile accordo PD-M5S: le parole di Martina

Martina Partito Democratico
Maurizio Martina (Getty Images)

Sulla possibilità di formare un Governo che unisca le anime di Partito Democratico e Movimento 5 Stelle, Martina si dice possibilista, non fosse altro che per arginare la deriva populista che l’Italia potrebbe avere mettendosi nelle mani della Lega. “Il Pd è consapevole di dover provare a prendere un’iniziativa – dice Martina – Ora è il momento di decidere tutti insieme, senza hashtag e senza questioni. L’ho già detto in passato: l’ipotesi di un voto anticipato a breve scadenza è preoccupante per me, perché darebbe un segnale sbagliato e porterebbe a una situazione che non possiamo permetterci. Lo stop delle trattative tra Di Maio e la Lega? Si tratta di un segnale politicamente importante, le parole di Di Maio sono state molto nette e molto chiare”.