Home Attualità

Arsenal, ufficiale: Wenger lascia l’incarico a fine anno

CONDIVIDI

Arsenal, ufficiale: Wenger lascia l'incarico a fine annoDopo ventidue anni sulla panchina dei ‘Gunners’, Arsene Wenger ha deciso di dire basta ed ha comunicato che lascerà la panchina dell’Arsenal al termine della stagione in corso.

La decisione del tecnico francese era nell’aria già da diverso tempo, anche quest’anno il suo Arsenal ha proposto un buon calcio, ma i risultati in Premier League non sono stati dei migliori (solo al sesto posto in classifica) ed il solo raggiungimento delle semifinali di Europa League da giocare contro l’Atletico Madrid (squadra favorita per la vittoria finale) non può e non deve bastare ad un club che fino a 10 anni fa era tra le prime quattro d’Europa e che nel 2006 si è giocato la finale di Champions League contro il Barcellona di Ronaldinho.

Arsene Wenger: il comunicato d’addio

Arsenal, ufficiale: Wenger lascia l'incarico a fine annoLa consapevolezza di non essere stato in grado di ripetere i risultati di inizio carriera con la squadra di Londra ed il desiderio di provare una nuova avventura hanno portato il tecnico a prendere questa decisione comunicata sul sito ufficiale dei ‘Gunners‘ con questa nota: “Dopo attente considerazioni personali seguite a numerosi incontri con il club, è giunto per me il momento migliore per fare un passo indietro al termine della stagione in corso. Sono e sarò per sempre grato all’Arsenal per avermi dato la possibilità e il privilegio di allenare la squadra per così tanti, memorabili anni. Ho sempre allenato con il massimo dell’integrità e dell’attenzione dando sempre il 100%. Chiedo ai fan dell’Arsenal di essere sempre un traino per la squadra e di tenere sempre a cuore i valori di questo club. Il mio amore e il mio supporto per sempre”.

Arsene Wenger: gli anni d’oro ed il palmares

Arsenal, ufficiale: Wenger lascia l'incarico a fine annoL’esperienza di Wenger all’Arsenal è cominciata nel 1996, periodo dello strapotere del Manchester United di Sir Alex Ferguson. Inizialmente, sebbene il suo Arsenal giocasse un calcio tecnico e divertente, non sono arrivati risultati, ma la dirigenza lo ha comunque premiato concedendogli fiducia. Nella stagione 1998/1999 ottiene il secondo posto in Premier League, proprio dietro al Manchester, con un distacco di un solo punto (quell’anno arriva la prima di 7 Community Shield). L’anno successivo l’Arsenal arriva in finale di FA Cup e di Europa League ma le perde entrambe. In Inghilterra cominciano a pensare che Wenger sia un eterno secondo, ma l’anno successivo, grazie all’arrivo di campioni come Henry e Pires l’Arsenal si aggiudica sia la Premier League che la FA Cup.

Quel 2001 segna l’inizio di un ciclo che porterà ai Gunners 3 Premier League, 4 FA Cup e 2 Community Shield. L’Arsenal era diventata la squadra da battere in Inghilterra  e nel 2005/2006 prova ad affermarsi anche in Champions League, ma la finale contro il Barcellona viene persa e da quel momento comincia un lieve ma inesorabile declino. I 12 anni successivi hanno fruttato al club 3 FA Cup, 3 Community Shield e 12 qualificazioni in Champions (per un totale di 20 anni consecutivi), troppo poco per una squadra abituata a primeggiare e che necessita un cambio di rotta per tornare in vetta. Chissà che quest’ultimo anno non si concluda proprio con la vittoria di un trofeo europeo, unica mancanza della gestione Wenger.