Home Moda & Abbigliamento

Perché Zara si chiama Zara? La storia del nome nato da un errore

CONDIVIDI
iStock Photo

E’ un po’ come casa. Zara per molte donne e, in particolar modo, per noi fashion addicted è un vero e proprio porto sicuro: qui compriamo di tutto, dai cappotti al profumo, passando per maglioni, scarpe di ogni genere e anche qualche capo per allenarci. Sentiamo di conoscere il marchio come le nostre tasche e di avere in tasca uno dei simboli della moda ma è davvero così?

Le cose forse non stanno proprio come crediamo. Se vi domandassimo ad esempio che cosa significa Zara sapreste risponderci? Da dove deriva il nome che tutte pronunciamo se non quotidianmente almeno settimanalmente? Se ancora non lo sapete ci pensa CheDonna.it a raccontarvi tutta la storia del nome di un marchio nato per errore e divenuto poi simbolo del fashion in tutto il mondo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Zara, Bershka, Stradivarius e molte altre: le aziende che dividono gli utili con i dipendenti

A fondare il marchio fu Amancio Ortega, oggi uno degli uomini più ricchi al mondo, il cui gruppo (Inditex) comprende, oltre a Zara, anche Oysho, Massimo Dutti, Pull and Bear, Bershka, Stradivarius, Zara Home e altri.

Alla fine degli anni ’70 però, quando Ortega decise di mettersi in proprio, era il semplice fattorino di una piccola camiceria di nome Gala, ancora oggi esistente. L’uomo inizio decisamente in sordina, fabbricando vestaglie insieme alla moglie Rosalia Mera, fino al giorno in cui, nel 1975, decise di fare il salto di qualità. A Coruña, il paesino in cui abitava, Ortega apre la sua prima boutique per la quale commissiona una bella insegna con il nome scelto: Zara? No, Zorba, come un vecchio film del 1964, Zorba il greco.

Peccato però che qualche cosa era sfuggito al futuro milionario. Sulla stessa strada si trovava infatti un bar che, ironia della sorte, aveva scelto proprio lo stesso buffo nome. Come risolvere il problema? Buttare l’insegna e farla da capo era decisamente dispendioso: Ortega decise allora di salvare tre lettere della scritta, Z R A, e far realizzare solo uan nuova lettera, una seconda A.

Era fatta, nasceva ZARA!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Sai perché i Ray-Ban si chiamano così?

Un errore dunque alquanto fruttuoso quello di Amancio Ortega, un uomo che oggi vale 76miliardi, cifra che lo rende il più ricco d’Europa e il quarto su scala mondiale.

Ora sì che di Zara sai proprio tutto!