Home Dieta e Alimentazione

Alimentazione: cavolfiore tutto quello che c’è da sapere!

CONDIVIDI
(IStock)
(IStock)

Il cavolfiore è un ortaggio tipico della stagione invernale, ma  forse non tutti sanno che le sue proprietà lo rendono un alimento molto prezioso per la nostra salute ed infatti non dovrebbe mai mancare sulle nostre tavole.

Ti potrebbe interessare anche: i mirtilli e i loro benefici

Cavolfiore: proprietà e benefici

Per sfruttare al meglio le sue proprietà è bene consumarlo un paio di volte alla settimana, grazie al basso contenuto calorico è ottimo per chi esegue una dieta. Questo perché è composto per il 90% da acqua e contiene una quantità irrilevante di grassi, pari allo 0,2. E’ molto ricco di vitamine e minerali: abbondano calcio, ferro, fosforo, potassio, zinco e magnesio: oligoelementi fondamentali per la costituzione dei tessuti e delle cellule.

Contiene inoltre molta  vitamina C e B9, quest’ultima nota anche come acido folico, fondamentale non solo in gravidanza, ma anche per il funzionamento cerebrale e per la vista. Sono inoltre presenti la vitamina A, fondamentale  per la crescita delle ossa e la protezione dell’epidermide e  la vitamina B1 che permette la trasformazione del glucosio in energia.

Ti potrebbe interessare anche: i mirtilli e i loro benefici

Il consumo di cavolfiore ha azioni benefiche anche sul sistema immunitario e combatte malattie. La sua quantità di fibre alimentari lo rendono alleato dell’intestino, proprio perché agisce sul suo corretto funzionamento, mentre la presenza di flavonoidi contribuisce a contrastare l’invecchiamento precoce. La presenza di ferro è un valido alleato per contrastare l’anemia, in quanto aiuta il corpo ad assorbire ulteriore ferro dalla dieta. Tra le sue innumerevoli proprietà troviamo anche quella antiinfiammatoria che consente di alleviare i sintomi del raffreddore: frullandolo insieme a tre cucchiaini di miele e un pò di acqua otterremo una miscela decongestionante.

Ti potrebbe interessare anche: i mirtilli e i loro benefici

Per mantenere intatte tutte le proprietà sopraindicate sarebbe meglio, cosi come per tutte le verdure, cucinarlo il meno possibile in modo da non perdere le sostanze di cui è ricco. E’ inoltre importante che sia fresco e privo di macchie.