Capelli tinti sempre come il primo giorno? Ecco che cosa fare e cosa non fare

Uscite dal parrucchiere i nostri capelli sono non solo in una piega perfetta ma anche brillanti, dal colore vibrante e dall’aspetto più che sano. Miracoli della colorazione appena fatta, del nostri hair stylist di fiducia capace di rendere i capelli tinti meravigliosi. Peccato però che, passato qualche giorno, la situazione non rimanga tale: le ciocche si spengono, il fusto del capello si inaridisce e addio radiosità.

Esiste un modo per evitare questa triste evoluzione? Forse sì. CheDonna.it ha infatti selezionato per voi 5 trucchi e consigli su cosa fare e cosa no con i capelli tinti, tutto il necessario insomma per renderli impeccabili a lungo.

extensionsTrucchi per la bellezza dei capelli tinti

Dal lavaggio alla protezione: ogni passaggio può risultare essenziale per la salvaguardia della bellezza dei capelli tinti. Ecco allora che cosa dovete assolutamente fare e ciò che invece sarà bene evitare.

1 – Acqua fredda

A quanto pare la temperatura dell’acqua è cruciale per mantenere vivido il colore. Anche nei periodi più freddi impegniamoci dunque nel risciacquare i capelli con un acqua quantomeno fresca. Gioverà anche alla pelle

2 – Balsamo colorato

E’ un ottimo trucco per ravvivare il colore ad ogni lavaggio. Esistono infatti appositi prodotti con pigmenti dentro di diverse colorazioni: ognuno potrà trovare il suo colore perfetto.

3 – Di no ai prodotti oleosi

A quanto pare i vari oli potrebbero far sì che il colore scarichi primi del tempo debito.

4 – Shampoo a secco

Calcolando quanto i ripetuti lavaggi possano spegnere il colore sarebbe bene evitare qualche shampoo e rifugiarsi ogni tanto negli oramai popolarissimi prodotti a secco, senza dubbio meno dannosi per la tinta.

5 – Proteggiamo i capelli dal sole

Il sole altera a lungo andare il colore, producendo riflessi spesso decisamente poco grandevoli. Anche lontano dalla stagione del mare utilizza dunque uno spray protettivo, soprattutto quando sai di passare molto tempo all’aria aperta.

Da leggere