Home L'Esperto Risponde

I processi di socializzazione nell’infanzia

CONDIVIDI

Interagire con il mondo esterno. Qualcosa che ci viene automatico ma che in realtà abbiamo acquisito con il tempo. E’ la socializzazione e oggi Teresa Benedetti, la nostra psicologa di fiducia, ci spiega come si sviluppa nel bambino.

rückbildungsgymnastik mit baby

Con socializzazione si intende l’insieme dei processi attraverso i quali i modelli di ciascuna società vengono trasmessi da una generazione alla successiva. L’acquisizione di questi modelli è uno dei compiti più importanti dell’infanzia. La socializzazione viene attivata dall’adulto, ma lo stesso bambino gioca un ruolo attivo e partecipante in questo processo.

I processi di socializzazione operano a due livelli, quello cognitivo e quello emotivo. Oggi vedremo il primo livello.

Le capacità cognitive del bambino hanno un’origine sociale, infatti devono essere prima eseguite con un adulto competente per essere successivamente padroneggiate dal bambino. Tutte le funzioni psicologiche come il pensiero, l’apprendimento e la risoluzione dei problemi, compaiono prima ad un livello intermentale, ossia all’interno di un’interazione con un’altra persona, e successivamente vengono interiorizzate cosicchè il bambino possa eseguirle su un piano intramentale.

La cooperazione reciproca è la chiave della crescita mentale, la capacità di affrontare un problema può essere trasferita dall’adulto al bambino mano a mano che quest’ultimo ne interiorizza le strategie e le istruzioni.

Le funzioni cognitive del piccolo possono crescere soltanto se a guidarle sono adulti desiderosi di sostenere il bambino.

Teresa Benedetti

teresabenedetti@yahoo.it