Home Dieta e Alimentazione

Troppo poco sale farebbe male alla salute

CONDIVIDI

Sale: se troppo fa male alla salute anche troppo poco non farebbe bene. Lo sostiene un recente studio. La notizia da CheDonna.it.

(Thinkstock)
(Thinkstock)

Sappiamo già quanto un consumo eccessivo di sale sia dannoso per la nostra salute. Ora però un nuovo studio sostiene che anche troppo poco sale andrebbe bene.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Lancet ed è stato condotto da Andrew Mente della McMaster University in Canada. Sono state esaminate oltre 130.000 persone di 49 differenti Paesi, in 6 continenti. Sulla base dei risultati ottenuti, i ricercatori sostengono che bisogna consumare sale con “moderazione” e non è necessario seguire le raccomandazioni dietetiche internazionali, secondo le quali non bisognerebbe consumarne più di 2,3 grammi al giorno.

Secondo lo studio canadese, che peraltro è stato contestato da una parte della comunità scientifica, anche 3 grammi di sale al giorno, una quantità maggiore a quella raccomandata a livello internazionale, sarebbero troppo pochi e quindi farebbero male. Mentre il consumo ideale sarebbe di 4-5 grammi al giorno.

Troppo poco sale, secondo lo studio canadese, potrebbe aumentare il rischio di infarto e ictus.

I ricercatori canadesi hanno messo a confronto il rischio di infarto e ictus di persone con diversi consumi di sodio, rilevati con un esame delle urine, suddividendoli in tre categorie: bassi livelli di sodio (fino a tre grammi al giorno), consumo medio (4-5 grammi) e consumi elevati (7 grammi o più al dì). Secondo i ricercatori, le persone esaminate nello studio che consumavano circa 4-5 grammi al giorno presentavano un minor rischio di morte e di soffrire di patologie cardiovascolari come infarto e ictus.

Secondo lo studio, troppo poco sale, sotto i 3 grammi al giorno, farebbe male alla salute, mentre consumarne tanto, sopra i 7 grammi al giorno, farebbe male solo agli ipertesi e non alla popolazione generale.

Conclusioni, tuttavia, che come abbiamo detto sono fortemente contestate dagli altri scienziati.