Home Attualità

I nuovi canoni della bellezza dopo il fashion week di New York

CONDIVIDI

Dalla rivolta delle I Love Curvy all’evento promosso al fashion week di New York con la sfilata di modelle disabili contro la discriminazione fisica, esplode una vera e propria rivoluzione nel settore dell’immagine e della bellezza sulle passerelle, incoronata dalla svolta in Francia, dove il Parlamento ha approvato una legge per limitare la magrezza delle modelle.

Winnie Harlow @Gettyimages
Winnie Harlow @Gettyimages

Il business dell’immagine adesso sembra puntare alle particolarità fisiche dove il difetto diventa oggetto di bellezza. Ecco allora il successo di numerose modelle, che come Chantelle Winnie, la modella con la vitiligine, sfilano senza tabù o complessi.

In questa categoria si annoverano personalità del calibro di Aimee Mullins, attrice senza gambe che ha esordito in passerella, e Denise Bidot, modella oversize al centro dei riflettori durante il fashion week newyorkese.

Il canone della bellezza sia per gli uomini che per le donne non ha più confini tanto che sulle passerelle è approdata anche Jamie Brewer, la prima modella con la sindrome di Down, diventata famosa per il suo ruolo in American Horror Story.

In questa galleria non mancano le modelle transgender come Lea T, scoperta da Riccardo Tisci, ora volto di Givenchy.

Ma anche per gli uomini, si passa dal modello afroamericano albino Shaun Ross, ai modelli disabili Jack Eyers, nominato in Inghilterra man of the years 2014 e Shaholly Ayers delle Hawaii.

Non solo le passerelle rinnovano il loro volto, spalancando le porte alle imperfezioni, ma anche molte personalità del mondo dello spettacolo stanno lentamente rivoluzionando la nostra società basata sulla perfezione come Cassandra Naud, la ballerina canadese, con una vistosa voglia sotto l’occhio.

Insomma, il difetto diventa un elemento che attrae e affascina. Come non ricordare in tal senso il Joffrey de Peyrac della saga della Marchesa di Angelica che nonostante la sua cicatrice sul volto, conquistò l’animo selvaggio e combattuto di Angelica.