Rimedi naturali: maschera fai da te all’argilla per capelli grassi

Capelli unti e spenti, magari da lavare tutti i giorni? Chi ne soffre sa perfettamente che i capelli grassi necessitano di particolari attenzioni, che innanzitutto partono dall’eliminazione dei prodotti chimici, in favore della portentosa maschera naturale fai da te che vi illustriamo oggi. Scopriamola insieme!

argilla-bianca-e-verde-piccolo-dossier-e-alcuni-consigli

Dopo Rimedi naturali: struccante occhi fai-da-te all’olio d’oliva, oggi noi di CheDonna.it abbiamo pensato di proporvi una ricetta di bellezza casalinga molto semplice, che vi aiuterà a far tornare splendida e lucente la chioma che ora è spenta e untuosa: la formidabile maschera fai-da-te all’argilla.

Maschera fai da te all’argilla per capelli grassi

Ingredienti

1 cucchiaio di argilla in polvere

3 cucchiai di acqua di rose

2 gocce di olio essenziale di anice

Per donare nuovamente ai vostri capelli la brillantezza sperata, eliminando l’unto che li fa sembrare sporchi dopo mezza giornata, vi basterà unire in una piccola ciotola i vari igredienti sopra elencati. Mescolate bene fino a ottenere un composto liscio e cremoso, con cui andrete a massaggiare delicatamente il cuoio capelluto e la radice dei capelli.

Tenete in posa per qualche minuto e risciacquate con abbondante acqua tiepida, facendo l’ultimo risciacquo con acqua fredda. L’azione astringente dell’acqua di rose, unita alle proprietà sgrassanti dell’argilla e al miglioramento del microcircolo portato dall’olio essenziale di anice vi aiuteranno a sconfiggere velocemente il problema dei capelli grassi. Non c’è niente di meglio per liberarsi in poco tempo dell’aspetto unto e spento dei vostri capelli, riequilibrando la secrezione di sebo del cuoio capelluto e ritrovando finalmente una chioma lucente e dall’aspetto sano.

Durante l’asciugatura ricordate di non avvicinare troppo ai capelli il getto caldo del phon: l’eccessivo calore, infatti, potrebbe annullare l’effetto astringente di questa speciale maschera all’argilla, sciogliendo e spandendo il tanto temuto sebo in eccesso.