Home Attualità

MUSICA: Minnesanger e Beppe di Benedetto 5tet a ParmaJazz

CONDIVIDI

ce2e10d7-63d4-4bd7-abca-fe743dbd5628

Doppio appuntamento il 19 novembre per ParmaJazz Frontiere: alle 20,30 alla Casa della Musica di Parma (intero €. 15,00, ridotto €. 12,00), infatti, la serata si aprirà con Minnesanger, un progetto di coproduzione di ParmaJazz Frontiere con il Festival “Jazz and Joy” di Worms (con Domenico Mirra, Diego Sampieri, Gabriele Fava, Andrea Grossi, Gregorio Ferrarese), seguito dal concerto di Beppe Di Benedetto 5et.

Il progetto Minnesanger nasce dal gemellaggio tra le città di Parma e Worms, durante il Festival “Jazz and Joy”, in cui tre studenti del conservatorio “A. Boito” di Parma hanno suonato con altrettanti giovani allievi della Scuola di Jazz della cittadina tedesca.
Domenico Mirra, Diego Sampieri e Andrea Grossi hanno composto per l’occasione alcuni brani partendo dalle melodie dei Minnesanger tedeschi (in particolare quelli di Friedrich von Hausen di Worms).
L’intento è stato quello di creare mondi sonori nuovi, differenti e attuali partendo da materiali storici, per poter così omaggiare musicalmente la città di Worms che ha accolto il progetto.
Il repertorio verrà riproposto qui con un ensemble tutto italiano di cui faranno parte, oltre ai già citati Domenico Mirra al pianoforte, Diego Sampieri alla chitarra e Andrea Grossi al contrabbasso, anche Gabriele Fava ai sassofoni e Gregorio Ferrarese alla batteria.

La storia musicale del Beppe Di Benedetto 5tet ha avuto inizio circa 10 anni fa, fin da subito l’obiettivo del gruppo è stato quello di suonare musica originale scritta dal leader e da chi nel quintetto avesse voglia di confrontarsi con la scrittura creativa, cercando di valorizzare il linguaggio e le caratteristiche dei singoli solisti e le sonorità del jazz dei giorni nostri. Il primo disco del quintetto, See The Sky, uscito nel 2011 prodotto dall’etichetta TRJ Records, ha avuto un notevole riscontro da parte della critica nazionale ed internazionale, è stato infatti segnalato tra i dischi preferiti del 2012 da Dave Sumner, recensore di All About Jazz USA.

Sono stati invitati a prendere parte a diversi Festival, Rassegne e Jazz Club: Festival Delle Terre Verdiane, Festival Barezzi Live, Calcinato Jazz Festival, Soresina Jazz festival, Jazzit Festival, Lovere Jazz Festival, Giovani Titani Jazz Festival, Rassegna Nottetempo, Rassegna Bacoli Jazz Club, Riga Jazz Club (Lettonia) etc.

Il percorso musicale del quintetto si è ulteriormente arricchito nel 2014, il nuovo progetto “Another Point Of View”, traccia già nel titolo la linea programmatica della musica che vogliono eseguire, un jazz che ha solide radice nella tradizione, ma che si arricchisce di tutta l’esperienza europea e mediterranea. La ricerca costante della melodia, delle forme aperte e in divenire, la polifonia classica che penetra nel jazz e aggiunge colore alla ricerca stilistica, il costante interplay,  l’equilibrio tra scrittura ed improvvisazione sono gli elementi costanti di questo nuovo progetto del quintetto.