INCIDENTE STRADALE A4: chiamano i genitori e poi l’impatto

LA CHIAMATA AI GENITORI E POI IL TAMPONAMENTO CON L’AUTO CHE PRENDE FUOCO: MORTI TRE RAGAZZI SULLA A4 – Quella telefonata l’abbiamo fatta tutti: “Mamma va tutto bene, arriviamo tra poco”; la facevamo perchè ce la chiedevano fino allo sfinimento, o magari per semplice generosità dato che, in fin dei conti, è uno sforzo che costava poco ed evitava problemi dopo. Il risultato però di questa telefonata ha in realtà del bizzarro: il genitore ha in se la strana convinzione che quello squillo di telefono sia la garanzia che ogni cosa andrà per il meglio, come se incidenti e pericoli vari possano essere scongiurati con un semplice drin.

Il più delle volte questa bizzarra equazione viene avvalorata ma purtroppo non va sempre così: il prodigio non si è ad esempio realizzato per Simone Montegrandi, 20 anni, la sua fidanzata Maria Bordoni di 21 e la sorella di lei, Sara Bordoni, di appena 16 anni; loro quella telefonata l’hanno fatta ma pochi minuti dopo la loro auto si è infiammata senza dare alcuna possibilità di fuga ai passeggeri.

Sono morti così i tre giovani che si trovavano sulla A4 in una Fiat 600: l’autostrada era bloccata per un lieve incidente, quando la macchina è stata tamponata da un Punto. Le fiamme sono divampate rapide, come sorte dal nulla e mentre il conducente della seconda auto è riuscito a mettersi in salvo, per i tre giovani non c’è stato nulla da fare.

Erano saliti in macchina per un giro nel centro di Milano, magari le ragazza puntavano ad un nuovo paio di scarpe o ad una borsa e alla fine sarebbero andati tutti insieme a mangiare una pizza: doveva essere facile, avevano anche fatto la telefonata di rito… “mamma, va tutto bene”.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SULL’ESSERE MAMMA CLICCANDO QUI!

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SULLA BELLEZZA CLICCANDO QUI!

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SULLE IDEE REGALO CLICCANDO QUI!