Seppie in padella, qual è il tempo giusto per la cottura? Il trucco è facile

Il pesce ha sempre bisogno di cotture veloci, per non rovinare tutte le sue proprietà nutritive, come dobbiamo comportarci con le seppie in padella? Ecco il trucco

Seppie in padella Canva

Buone, sane, italiane e nemmeno troppo costose. Possiamo prepararle in tanti modi, ma sicuramente la cottura in padella è uno dei più comuni. Ma siete sicure di farlo nel mondo giusto, per preservare tutto il lor giusto e le loro caratteristiche.

Oggi ci spieghiamo qualche trucco per cucinare le seppie in padella. Perché non importa quale ricetta state preparando, l’importante è rispettare i giusti tempi di cottura. Non tutti li conoscono e non sempre affidarsi ciecamente alle ricette scritte è la soluzione giusta
Se le cuocete troppo rischiate che diventino gommose. Al contrario se sono poco cotte avranno un sapore indigesto.

Quindi la domanda è una sola: quanti minuti devono cuocere le seppie in padella per risultare ottime?
In padella, anche quando sono ripiene, i minuti per una cottura ottimale sono circa 25. Ma dovete bagnarle spesso con il liquido di cottura e cuocerle con un coperchio. Invece se le cuocete in forno
i minuti passeranno a 35-40 considerando una temperatura di 180°.

Seppie ripiene di gamberetti in umido

E adesso vediamo insieme una ricetta facile per preparare delle gustosissime seppie ripiene di gamberetti in umido.

Ingredienti
8 seppie
4 acciughe
200 g gamberetti
50 g capperi
mollica di pane
4 pomodori
4 spicchi di aglio
buccia di arancia
prezzemolo q.b.
50 g pecorino grattugiato
2 bicchieri di vino bianco secco
olio di oliva
sale

Pulite le seppie, togliendo l’osso centrale e la vescichetta. Poi lavatele sotto l’acqua corrente e per ultimo togliete i tentacoli tagliandoli a pezzetti. Quindi pulite i gamberetti e fate a pezzetti anche questi.
Versate in una padella un filo d’olio, poi 1 spicchio di aglio e un pizzico di prezzemolo. Quando l’aglio prende colore unite i tentacoli delle seppie e i gamberetti. Lasciateli rosolare e sfumateli con il vino bianco. Appena saranno rosolati, spegnete il fuoco e aspettate che raffreddino.

Sbriciolate in una ciotola grezzamente la mollica di pane, unite il pecorino grattugiato, altri 2 spicchi di aglio tritato finemente, il prezzemolo tritato, i capperi dissalati e una grattugiata di buccia di arancia. Infine a questo punto unite i tentacoli e i gamberetti passati in padella e mescolate il composto. A quel punto riempite le sacche delle seppie, aiutandovi con un cucchiaio e richiudetele con uno stecchino.
Nella stessa padella in cui avete saltato i tentacoli versate 3-4 cucchiai di olio extra vergine d’oliva, 1 spicchio di aglio schiacciato, un pizzico di prezzemolo tritato e appoggiate le seppie ripiene.

Lasciate soffriggere con a fiamma al minimo. Aggiungete l’altro bicchiere di vino bianco e fate sfumare a fuoco vivo.

canva

Quando le seppie cominciano a seccarsi, aggiungete i pomodori a pezzetti e un po’ di acqua (o brodo di pesce). Regolate di sale e portate a cottura, basteranno altri 5 minuti al massimo. Poi potete servire le seppie ripiene di gamberetti in umido come secondo, utilizzando il sughetto per condire la pasta. Un pranzo completo, insomma.