Home Attualità Smart working, ecco come creare in modo ottimale il proprio home office

Smart working, ecco come creare in modo ottimale il proprio home office

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:13
CONDIVIDI

La maggior parte degli italiani è in modalità smart working. Ecco come attrezzare il proprio home office per lavorare comodamente da casa…

Smartworking in quarantena
Fonte: Pixabay

Il premier Conte è stato chiaro quando ha annunciato le nuove misure restrittive imposte dal Governo per fronteggiare l’emergenza del Coronavirus: tutti devono lavorare in modalità smart working, a parte chi eroga servizi ritenuti essenziali per il Paese. Un metodo questo che, al di là del periodo di difficoltà attuale, prenderà sempre più piede anche nel futuro. Il fatto di lavorare da casa però non vuol dire poca concentrazione, disordine ed inefficienza. Lo smart working è serio e ci impone concentrazione esattamente come se fossimo in azienda. Ecco come si può attrezzare il proprio spazio di lavoro per stare comodi e dare il meglio di noi stessi…

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Coronavirus Italia | 10 consigli del MOIGE per stare a casa con i figli

Come organizzare il proprio ambiente di lavoro in casa

La prima parola d’ordine è ottimizzare: non è necessario disporre di una intera stanza per lavorare. Basta anche un piccolo angolo purché abbia tutto quello che ci occorre come computer, scrivania, lampada e stampante.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Coronavirus | Niente più video in alta definizione: lo dice l’UE

A proposito di luce, l’ideale sarebbe utilizzare il più possibile quella naturale non solo per il risparmio energetico, ma soprattutto per la salute dei nostri occhi. La lampada va bene, ma meglio accenderla quando cala il buio.  Scegliamo quindi un angolo luminoso e mettiamo la scrivania vicino ad una finestra. Per avere poi un’area lavoro il più spaziosa e sgombra possibile, è importante trovare il modo di nascondere i fili elettrici e i cavetti del wi-fi, ma allo stesso tempo avere a portata di mano gli interruttori e le prese accessibili per la stampante, lo scanner e tutto quello che ci serve per lavorare bene. L’ambiente deve essere ben climatizzato e lontano dalla cucina per evitare “dolci” tentazioni. In generale l’ambiente deve essere per così dire neutro, cioè non dobbiamo avere intorno cose che ci possono distrarre dal nostro dovere. Questo non vuol dire noioso. Per rendere il lavoro stimolante e piacevole abbelliamo il nostro angolo con decorazioni allegre e festose.

Sì anche a piante che hanno il potere di calmare e rasserenare il nostro cervello. Un esempio? Ideali sono quelle grasse: fanno compagnia e richiedono poca manutenzione!