Home Salute

Ecco perchè i bambini che amano i dinosauri hanno un’intelligenza superiore

CONDIVIDI

Alcuni bambini sono assolutamente ossessionati dai dinosauri. Vogliono dinosauri in tutta la loro stanza e conoscono i nomi dei dinosauri più rari. Questa incredibile conoscenza che i bambini hanno di certe materie è chiamata “intenso interesse” nel mondo della psicologia e potrebbe indicare una intelligenza superiore secondo la scienza.

“Intenso interesse” nei bambini, ecco di cosa si tratta

Un terzo dei bambini sviluppa uno di questi intensi interessi per tutta la vita, che si tratti di dinosauri, astronomia o qualsiasi altra cosa. Questa ossessione tende a farsi sentire tra i 2 e i 6 anni, e può anche non svanire mai definitivamente. In alcuni casi, questo interesse non scompare durante l’infanzia e segue il bambino per la maggior parte della sua vita.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Figli & Psiche CLICCA QUI

Un interesse concettuale

Uno studio delle università dell’Indiana e del Wisconsin ha scoperto che i bambini che sviluppano un intenso interesse da piccoli vanno meglio a scuola negli anni successivi. Joyce M. Alexander, della Indiana University, e il suo team hanno scoperto che questo tipo di interesse, in particolare quello che richiede un dominio concettuale, “rafforza la perseveranza, e migliora l’attenzione e la capacità di pensiero complesso come l’elaborazione delle informazioni “.

M. Alexander fa una grande differenza tra “interesse concettuale” e interessi situazionali. Se un dinosauro emette un forte ruggito, a un bambino interesserà quello, solo in quel momento. Se i dinosauri sono il punto di interesse, i bambini saranno attirati dal conoscere specie, storia e quant’altro, dunque si tratta di un interesse concettuale.

È stato anche dimostrato che questo interesse migliora le capacità linguistiche ed è un buon indicatore di alta comprensione. Gli psicologi dicono che il modo in cui i bambini studiano i dinosauri li aiuta a sviluppare strategie per affrontare nuove situazioni e problemi durante la loro vita.

Le università di Virginia e Yale hanno anche scoperto che gli intensi interessi nell’infanzia non sembrano essere il risultato dell’interesse di un genitore. Scoprirono che l’ossessione per i dinosauri o l’astronomia si era sviluppata durante il primo anno di vita senza che i genitori lo avessero incoraggiato.

Sfortunatamente, questa ricerca ha anche rivelato che le ossessioni di solito durano solo da sei mesi a tre anni. Solo il 20% dei bambini era ancora appassionato dello stesso argomento che li ossessionava quando erano piccoli, dopo la scuola.

I ricercatori suggeriscono che una volta che i bambini iniziano la scuola, perdono il tempo libero per concentrarsi sul loro interesse, il che significa che svanisce rapidamente e viene sostituito dalle conoscenze generali acquisite a scuola. Si è anche scoperto che i bambini hanno perso i loro interessi prima nel caso in cui i loro nuovi amici non erano interessati allo stesso argomento.

Per tutti i genitori che desiderano mantenere vivi gli interessi dei figli, si raccomanda di insegnare ai bambini fatti relativi al loro interesse. I bambini che imparano attivamente nuove informazioni sui loro interessi imparano a fare lo stesso per le mterie scolastiche a scuola.

Alexander scoprì anche che i ragazzi e le ragazze mostravano lo stesso livello di concentrazione di interessi, ma i ragazzi tendevano a sviluppare interessi più intensi rispetto alle ragazze. Ciò può essere dovuto al fatto che l’argomento dei loro interessi e le attività che hanno utilizzato per esplorare questo interesse erano diversi.

Le ragazze tendevano a esplorare i loro interessi attraverso “le cosiddette avventure”, come le arti creative e l’alfabetizzazione. I ragazzi tendevano invece a preferire regole stabilite e fatti ben definiti.

Il vantaggio dell’interesse dei bambini

L’interesse è allo stesso tempo uno stato cognitivo e uno stato affettivo, è ciò che si chiama “emozione della conoscenza”. I sentimenti che caratterizzano l’interesse sono estremamente positivi: la sensazione di essere stimolati e rinvigoriti e affascinati. In termini di effetti sulla cognizione: l’interesse mina efficacemente il nostro modo di pensare. Quando siamo interessati a ciò che apprendiamo, siamo più attenti, elaboriamo le informazioni in modo più efficace e impieghiamo strategie di apprendimento più efficaci, come il pensiero critico, il collegamento di vecchie e nuove conoscenze e la ricerca di una struttura più profonda piuttosto che di elementi di superficie. Quando siamo interessati a un compito, lavoriamo più duramente e perduriamo più a lungo, mettendo in gioco più delle nostre capacità di autoregolamentazione.

Ti potrebbe interessare anche—->>> 11 segni che provano che tuo figlio è un genio

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI