Home Dieta e Alimentazione

Le 7 età dell’appetito: ecco come non ingrassare

CONDIVIDI

Sebbene a noi sembra sempre uguale il nostro appetito cambia man mano che si invecchia. Secondo la Rowett Institute della University of Aberdeen lo si può suddividere in 7 età.

Getty Images

Comprendendo questa suddivisione, potremmo dunque imparare a gestirci meglio a tavola ed evitare l’alimentazione squilibrata che porta spesso con sé obesità e danni alla salute.

Analizziamo i vari passaggi:

Da 0 a 10 anni – Nella prima infanzia il corpo cambia rapidamente e il comportamento alimentare dei primi anni può estendersi fino all’età adulta, portando un bambino grasso ad ereditare le stesse caratteristiche da adulto. L’agitazione e l’insistenza su determinati cibi sono i nemici numeri uno. Ad esempio, per far apprezzare le verdure ai più piccoli, occorre creare un ambiente positivo. Allo stesso modo non bisogna obbligarli a finire il piatto.

Da 10 a 20 anni – Nell’adolescenza, con l’aumento della statura arriva anche quello dell’appetito.Le scelte alimentari di questa età, influenzano quelle del futuro. Ecco perché  è importante evitare comportamenti e preferenze alimentari insalubri. Le ragazze hanno maggiori probabilità di soffrire di carenze nutrizionali rispetto ai ragazzi per via della loro biologia riproduttiva.

Per avere una risposta alle curiosità del quotidiano cliccate qui

Da 20 a 30 anni – In questa fase lo stile di vita cambia. gli studi universitari, il matrimonio, o l’essere diventati genitori può portare ad un aumento di peso. E, purtroppo, una volta accumulato, il grasso è difficile da eliminare. Il corpo invia segnali di appetito se mangiamo meno del nostro fabbisogno energetico, mentre i segnali per prevenire l’eccesso di cibo sono più deboli. E’ dunque utile, a questo punto, sviluppare il senso di sazietà in modo d riuscire a perdere peso.

Getty Images

Da 30 a 40 anni – La vita lavorativa frenetica e lo stress incidono pesantemente. Allo stesso modo tratti della personalità, come perfezionismo e coscienziosità, possono svolgere un ruolo importante nel comportamento alimentare. La sfida  qui è stare lontano il più possibile da snack e distributori automatici.

Da 40 a 50 anni – L’alto livello di stress può portarci a diventare dipendenti da cibi ad alto contenuto calorico. Inoltre l’abitudine prende il sopravvento. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il fumo, la dieta malsana, l’inattività fisica e il consumo di alcolici sono tra i principali fattori che incidono sulla mortalità soprattutto in questo periodo della vita.

Da 50 a 60 anni – In questo periodo iniziamo a soffrire di una graduale perdita di massa muscolare, tra lo 0,5 e l’1% all’anno a causa della scarsa attività fisica e del basso consumo di proteine, oltre che dalla menopausa per le donne. Una dieta sana e un po’ di movimento riducono quindi gli effetti dell’invecchiamento. Consigliati anche gli snack ricchi di proteine.

Da 60 a 70 e oltre – Infine con la vecchiaia si ha scarso appetito. Questo porta ad una perdita di peso e a maggiore fragilità. La solitudine spesso influenza il piacere del mangiare, così come problemi di deglutizione, dentali, gusto e odore ridotti.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI