Home Attualità

Il dramma di Aida Yespica: sono stata stuprata a 5 anni

CONDIVIDI

Aida Yespica ospite di Caterina Balivo a “Vieni da me” racconta gli aspetti più intimi della sua vita

Questo pomeriggio Aida Yespica, assieme alla sorella Nai, è stata ospite del programma pomeridiano di RaiUno “Vieni da me”: l’intervista rilasciata a Caterina Balivo ha utilizzato le canzoni come punto di partenza per un racconto molto intimo e dettagliato sulla sua vita, in cui la bella venezuelana ha svelato alla conduttrice e al pubblico alcuni particolari finora rimasti inediti.

Il racconto inizia dal suo arrivo in Italia, a 17 anni: “Sognavo di lavorare nel mondo dello spettacolo. Mio padre non voleva perché era preoccuparo che mi accadesse qualcosa. Poi in Venezuela è arrivato un agente che mi ha chiesto se avevo voglia di lavorare in Italia e sono partita. All’inizio ero davvero spaventata”, ricorda la Yespica.

Leggi anche >>> Aida Yespica: capelli corti e nuovo look, guarda che taglio!

Sempre a proposito dell’Italia, Aida confessa che nel suo cuore c’è un posto speciale per la città di Roma: “ho lavorato qui per tre anni quando facevo il Bagaglino e sono stata accolta dal calore della gente che mi ha fatto sentire a casa”.

I dolori di Aida Yespica: mio figlio, la violenza

AIDA YESPICA

In studio si diffondono le note di una famosissima canzone di Tiziano Ferro, “Il regalo più grande”, e la showgirl si commuove: “Mio figlio Aron è il mio regalo più grande”. Un figlio amatissimo che, purtroppo, non può vedere quanto vorrebbe: “Da due anni non sta con me perché, a causa delle incomprensioni con il padre che, grazie a Dio sono risolte, vive a Miami con il padre. Io, però, ogni mese e mezzo vado da lui e ci teniamo in contatto con la tecnologia”.

Ma c’è un altro immenso dolore con il quale la bella Aida è costretta a fare i conti ogni giorno: una terribile storia di violenza e ripetuti abusi, subiti da bambina fin dalla tenera età di 5 anni. L’orco era un amico di famiglia, che la Yespica ha descritto qualche tempo fa a Mattino Cinque come un uomo con una brutta gobba.

Aida Yespica ha raccontato di non aver mai parlato a nessuno dei suoi familiari di questa parentesi terribile della sua infanzia: come tante donne, anche lei aveva troppa paura del giudizio altrui e ha preferito restare zitta per molti anni.
La Yespica aveva raccontato per la prima volta della violenza subito lo scorso anno, nel corso della sua partecipazione alla seconda edizione del Grande Fratello Vip.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI