La psicoterapia al costo di un ticket? Chiediamo aiuto al servizio pubblico

Nella vita di molti capita di aver bisogno di un supporto psicologico, soprattutto in particolari periodi difficili, ma spesso si scarta a priori l’idea perché la psicoterapia è avvolta dall’aura dell’alto costo per le sedute.

psykoterapi

In Italia esiste un organo, il Servizio Sanitario Nazionale, che troppe volte viene snobbato perché poco efficiente, ma che offre moltissime possibilità di aiuto per chi non ha la possibilità di usufruire di consulenze mediche specifiche nell’ambito del privato.

Il caso  del medico dietologo è un esempio pratico di come la disinformazione dell’utente possa creare disagio nell’affrontare un grave problema come l’obesità.

Esiste una rete di supporto medico e psicologico offerto dal servizio sanitario nazionale a chi vuol perder peso. Pagando un ticket si può accedere ad uno staff di professionisti tra cui il dietologo o lo psicologo che guidano il paziente in un profondo cambiamento mentale e fisico.

Prima di pagare ‘prime visite e prescrizioni nutrizionali’ fior di quattrini, si può accedere al servizio pubblico della propria regione e vagliare le possibilità che esso offre.

Idem per il sostegno psicologico, di cui si può usufruire al costo di un ticket.

Lo psicologo della Asl, un servizio accessibile a tutti

Ogni regione di Italia ed ogni comune nello specifico, sono provvisti di organi del Servizio Sanitario Nazionale dove, sotto richiesta del medico della mutua, si può richiedere la consulenza di psicoterapia, in alcune regioni anche di coppia.

Sarà il medico curante a valutare il numero delle sedute iniziali e con l’ausilio del terapeuta si potrà concordare un prolungamento della terapia.

Cosa si deve fare per avere un supporto psicologico dal S.S.N.

Quali sono i passi da compiere per poter usufruire di alcuni servizi di terapia del Servizio Sanitario Nazionale?

Premesso che ogni regione ed ogni Asl. seguono delle organizzazioni interne più o meno autonome, il servizio di psicoterapia, dovrebbe dipendere dal dipartimento di salute mentale, un nome che troppe volte mette timore, ma che offre aiuto non solo a chi è affetto da patologie più o meno gravi.

Per aggirare ogni inghippo ti tipo burocratico,  la via più semplice è quella di contattare telefonicamente l’azienda sanitaria locale (Asl) e richiedere di parlare con l’ufficio relazioni con il pubblico.

A questo punto potrete richiedere come entrare in contatto, a seconda di quale sia la problematica, con i servizi  autonomi  di psicologia, consultori familiari, dipartimenti di salute mentale, neuropsichiatria infantile o servizi per tossicodipendenze.

Da leggere