Home Cultura

CINEMA: Recensione del film “Star Wars: Il risveglio della forza” in dvd

CONDIVIDI

DVD_SW_TFAStar Wars: Il risveglio della forza è stato l’evento cinematografico più atteso del 2015 e ha incassato 2,05 miliardi di dollari in tutto il mondo. Quindi, cari fan della saga di Guerre Stellari, se non avete ancora visto il film, sappiate che potete recuperarlo in digital download, in dvd e in Blu-ray ™.

I formati home video in alta definizione, inoltre, sono ricchi di approfondimenti e contenuti speciali che vi condurranno i in un coinvolgente viaggio dietro le quinte della pellicola. Potrete anche visionare le scene eliminate e interviste esclusive ai protagonisti e ai filmmaker.

Di conseguenza, vi consigliamo di procurarvi una delle versioni home video del film e di mettervi comodi sul vostro divano, proprio come abbiamo fatto noi, che ci siamo gustati il dvd e il mitico ritorno di Harrison Ford, di Carrie Fisher, di Mark Hamill, di Peter Mayhew e di Anthony Daniels, l’unico attore ad aver recitato in tutti e sette i film di Star Wars.

Nel cast vedrete anche l’esordiente Daisy Ridley, che ha ottenuto il ruolo della protagonista Rey; John Boyega (Attack the block – Invasione aliena, Imperial dreams), vincitore del BAFTA Rising Star Award, nel ruolo del disertore Finn; il candidato all’Emmy® Adam Driver (Lincoln, Girls) nei panni del malvagio Kylo Ren, e il vincitore del Golden Globe® Oscar Isaac (A proposito di Davis, The Bourne Legacy) in quelli di Poe Dameron, pilota della Resistenza.

Diretto da J.J. Abrams e scritto da Lawrence Kasdan & J.J. Abrams e da Michael Arndt, il film mescola nuovi e vecchi personaggi della saga e regala al pubblico una grande avventura dal ritmo serrato e scenografie mozzafiato.

Infatti, il regista visionario J.J. Abrams e Lucasfilm con questo settimo capitolo hanno deciso di riportarvi nella galassia lontana lontana che vi fa sognare da oltre trentacinque anni e dove ritroverete alcuni dei personaggi più iconici della saga, come Han Solo, la Principessa Leia, Chewbecca, i due droidi R2-D2 e C-3PO. Al loro fianco ci saranno nuovi carismatici personaggi, tra cui spicca una straordinaria presenza femminile con attrici come Gwendoline Christie (Il trono di spade), il premio Oscar® Lupita Nyong’o (12 anni schiavo) e Daisy Ridley che interpreta la giovane Rey.

Di fatto, in questo nuovo episodio spaziale di Guerre Stellari, ritroverete la storia di Luke, di Leia, di Han Solo e della Morte Nera, ma con alcuni dettagli più moderni infarciti di gag spassose che accennano continuamente al passato, perché la pellicola è un chiaro e tenero recupero del retaggio di George Lucas. Per giunta, J.J. Abrams assieme a Kathleen Kennedy, presidente della Lucasfilm (candidata a otto premi Oscar®) e a Bryan Burk (suo collaboratore abituale) è anche il produttore esecutivo del film che narra i fatti accaduti 30 anni dopo Il ritorno dello Jedi, quando dopo la distruzione della seconda Morte Nera e la caduta dell’Impero, è nato il macabro Primo Ordine, con a capo il Leader Supremo Snoke e il suo braccio destro Kylo Ren. Oltre alla Resistenza, sostenuta dalla Repubblica e guidata dal generale Leia Organa, il pericolo numero uno del Primo Ordine è l’ultimo dei cavalieri Jedi, ovvero il mitico Luke Skywalker, misteriosamente sparito da tempo. A cercare Luke è anche sua sorella Leia che vede in lui l’unica possibilità di ristabilire pace e giustizia nella galassia. Per trovarlo, Leia ha inviato sul pianeta Jakku uno dei suoi più bravi e coraggiosi piloti: Poe Dameron. La missione segreta di Poe è quella di recuperare un indizio sul luogo in cui si trova Luke…

Ed è con queste corpose premesse che Star Wars: Il risveglio della forza vi regalerà delle vere emozioni, soprattutto se siete affezionati alla saga, anche perché Harrison Ford è sempre carismatico, mentre John Boyega è pieno di carica emotiva, che si innesca soprattutto quando interagisce con la talentuosa Daisy Ridley: appassionata, dinamica e coraggiosa. Adam Driver, invece, dà vita a un villain problematico, sentimentalmente combattuto e rabbiosamente involuto.

Oltre a ciò, il mix composto da dialoghi brillanti, esilaranti battute, azione sfrenata, intenso montaggio e personaggi affascinanti, rende l’intera narrazione di Star Wars: Il risveglio della forza una visione piacevole, divertente e coinvolgente.

Da non dimenticare anche il ruolo fondamentale della musica. Infatti, dopo essere entrato nella leggenda per le iconiche colonne sonore dei sei capitoli precedenti della saga, l’acclamato compositore John Williams, anche per Star Wars: Il risveglio della forza, ha creato delle fantastiche melodie, grazie alle quali ha ottenuto la sua cinquantesima nomination agli Oscar®.

Silvia Casini

© Riproduzione Riservata