Chi sposa una donna intelligente vive più a lungo

Sposare una donna intelligente ha molti vantaggi, anche in termini di salute. Ecco perché.

(iStock)
(iStock)

Anche se alle volte agli uomini piace una donna meno intelligente di loro, farebbero bene a ricredersi.

Secondo gli esperti di malattie neurodegenerative, infatti, sposare una donna intelligente aiuta a vivere più a lungo e a prevenire la demenza senile. Una bella notizia per le donne, spesso bistrattate quando sono ritenute “troppo intelligenti”.

Riuniti in questi giorni a Oxford, nel Regno Unito, per una conferenza, gli esperti hanno evidenziato le cause che contribuiscono allo sviluppo della demenza senile e come evitarla. Tra i fattori determinanti ci sono l’ambiente di infanzia e la perdita precoce di uno dei genitori. Vivere un’infanzia con pochi stimoli e sostenere il dolore della perdita di un genitore possono favorire negli anni l’insorgere di questo disturbo.

Invece, la stimolazione intellettuale fin da quando si è giovani contribuisce a mantenere il cervello attivo e può prevenire i sintomi della demenza. Lo sostengono diversi studi.

Durante la conferenza, il prof. Lawrence Whalley, docente emerito di salute mentale nel ‘Collegio di Medicina e Scienze della Vita’ presso l’Università di Aberdeen, ha affermato:

“Una cosa che non viene mai detta, e che invece andrebbe spiegata ai più giovani, è che sposare una donna intelligente aiuta a vivere più a lungo”.

Più chiaro di così!

In generale per prevenire la demenza senile è molto utile avere avuto delle figure genitoriali positive, una lunga istruzione e soprattutto un ambiente di vita tranquillo durante l’infanzia. Tutti fattori positivi che diminuiscono i rischi di demenza per il futuro.

La scoperta inaspettata è il fattore di rischio rappresentato dalla morte precoce di uno dei genitori, che può aumentare la possibilità di sviluppare la demenza intorno agli 80 anni. Il professor Whalley ha spiegato:

“Gli studi hanno dimostrato che la morte di una madre prima dei cinque anni è un importante fattore di rischio per lo sviluppo della demenza in età avanzata”.

Infine, gli studi hanno individuato i profili di persone affette da malattie neurodegenerative a livello non avanzato, ma che non mostrano ancora i sintomi concreti della malattia. Come spiega il prof. Whalley “sono persone molto intelligenti, impegnate in lavori dinamici e molto ricche“.

Tutti, dunque siamo a rischio demenza, l’importante è circondarsi di persone intelligenti, vivaci e stimolanti e impegnarci il più possibile anche in età adulta in attività intellettuali.