Home Che Cultura: Libri, Musica, Cinema e Teatro LIBRI: ‘La metafisica del ping-pong’

LIBRI: ‘La metafisica del ping-pong’

CONDIVIDI

image002Ecco un caso editoriale unico negli Stati Uniti (in uscita a metà a aprile, tradotto dall’inglese: l’autore, Guido Mina di Sospiro, vive da decenni in Usa, dove il libro ha avuto un’accoglienza eccezionale, e arriverà in Italia ad aprile a Milano): La metafisica del ping-pong.

Si tratta di un libro originale e curiosissimo, che racconta in maniera coinvolgente, acuta e ironica, mai banale, la passione per il ping-pong, facendone l’occasione per rivelare aspetti dell’America, lati nascosti di uno sport diffusissimo ma un po’ snobbato, le manie e le eccellenze del mondo del tennistavolo. Ma soprattutto, questo universo fatto di personaggi eccentrici e carismatici, maestri di filosofia e di vita, diventa un modo per accedere al fascino del pensiero non lineare, all’arte della guerra, ad aspetti seducenti della filosofia occidentale e di quella orientale. Insomma, non vi immaginereste mai quante cose possano rivelare una racchetta, un tavolo, e la folle passione per lo spin, l’effetto che si può dare a una pallina…

Ecco la trama ufficiale…

«Un buon viaggiatore non sa dove va; un perfetto viaggiatore non sa da dove viene». Questo aforisma di uno scrittore cinese è il più perfetto compendio della Metafisica del ping-pong. Perché quando s’impugna per la prima volta la racchetta non si sa dove può portare la passione per questo sport – magari addirittura in Cina, a sfidare i campioni locali – ma soprattutto non si sa di aver intrapreso una sorta di percorso iniziatico alla scoperta di sé e dei principi primi che governano la realtà. Lungo questo viaggio di perfezionamento sportivo, individuale e metafisico allo stesso tempo, Guido Mina di Sospiro non ha solo affrontato avversari di ogni tipo, affinato tecnica, tattica e strategia e appreso l’importanza di lasciarsi guidare da un maestro: grazie al ping-pong ha incontrato e visto in azione, nel vivo del gioco, la geometria non euclidea, la logica non lineare, la strategia da von Clausewitz a Sun Tzu; ha riscoperto Carl Gustav Jung e interrogato l’I Ching, colto la potenza del mito platonico della Caverna e dei principi della filosofia taoista. E naturalmente, inseguendo il suo «stato di grazia» mistico-sportivo, si è anche divertito, e continua a divertirsi moltissimo.

Guido Mina di Sospiro ha sempre amato il tennistavolo, fin da bambino. È cresciuto a Milano in una casa in cui si parlavano diverse lingue, ha studiato chitarra classica prima di lasciare l’Italia per la California dove ha frequentato la School of Cinema Production della University of Southern California; da allora risiede negli Stati Uniti. I suoi libri – scritti in inglese – sono stati tradotti in dodici lingue. Vive vicino a Washington DC con sua moglie.