Mal di testa: in arrivo il vaccino

Emicrania
Cefalea (Thinkstock)

E’ in arrivo il vaccino contro il mal di testa. Scopriamo di cosa si tratta.

(Thinkstock)
(Thinkstock)

Chi soffre di emicrania sa bene quanto gli attacchi siano dolorosi e alle volte invalidanti. C’è chi riesce a tenere sotto controllo il mal di testa con gli analgesici, ma c’è anche chi non trova sollievo in nessun modo e con nessun farmaco ed è costretto a convivere, male, con questo disturbo.

Ora, una nuova speranza per chi soffre di emicrania viene da un vaccino messo a punto dai ricercatori dell’istituto San Raffaele di Roma. Si tratta di una delle scoperte più avanzate al mondo. I ricercatori del San Raffaele hanno creato in laboratorio una sorta di anticorpo intelligente che nell’organismo cerca e poi neutralizza una sostanza conosciuta con la sigla CGRP (Calcitonin gene related peptide) e il cui eccesso è responsabile dell’emicrania.

Il “vaccino” funziona iniettando l’anticorpo sottocute una volta al mese per un certo numero di mesi consecutivi. Per il momento questo trattamento, ancora in forma sperimentale, è destinato solo alle persone affette da emicrania cronica, ovvero che soffrono di mal di testa per almeno 15 giorni al mese e per 3 mesi consecutivi. Dalla seconda metà del 2016, tuttavia, i ricercatori contano di somministrare il “vaccino” anche alle persone che soffrono di emicrania episodica.

Si tratta di una terapia rivoluzionaria e con una tollerabilità buona, l’anticorpo contro l’emicrania infatti non ha gli effetti collaterali dei farmaci.

L’istituto San Raffaele di Roma è il primo in Europa e tra i primi al mondo ad aver raggiunto questo importante risultato con gli anticorpi monoclonali anti-CGRP. Un grande successo per la ricerca medica in Italia e un grande sospiro di sollievo per tutte le persone che soffrono di emicrania.