Migliaia di bambini fuggiti dal Burundi per le violenze

Mary* è scappata dal Burundi con i suoi 4 bambini verso il Ruanda (Mahama Camp) dopo che l’escalation di violenza è arrivata al loro villaggio. Suo marito e due delle sue figlie sono rimaste in Burundi. Sono stati separati per colpa del caos scoppiato nel loro villaggio.Mary non ha ancora loro notizie e non sa se siano in salvo.
Mary* è scappata dal Burundi con i suoi 4 bambini verso il Ruanda (Mahama Camp) dopo che l’escalation di violenza è arrivata al loro villaggio. Suo marito e due delle sue figlie sono rimaste in Burundi. Sono stati separati per colpa del caos scoppiato nel loro villaggio.Mary non ha ancora loro notizie  e non sa se siano in salvo.
Mary è scappata dal Burundi con i suoi 4 bambini verso il Ruanda (Mahama Camp) dopo che l’escalation di violenza è arrivata al loro villaggio. Suo marito e due delle sue figlie sono rimaste in Burundi. Sono stati separati per colpa del caos scoppiato nel loro villaggio. Mary non ha ancora loro notizie e non sa se siano in salvo. Foto Credits: Elizabeth Muiruri/Save the Children

Sono ormai più di 2.300 i bambini fuggiti nelle ultime settimane dal Burundi a causa dell’escalation di violenza nel loro Paese. Hanno viaggiato per giorni da soli, per lo più a piedi, in mezzo ai pericoli, per cercare di raggiungere i campi profughi temporanei in Ruanda, Tanzania, Repubblica Democratica del Congo (RDC) e in Uganda.

Ci si aspetta che molti altri lasceranno il Burundi quando il rischio di violenze si intensificherà nel periodo che precede le elezioni presidenziali, originariamente previste per la fine di giugno, ma rinviate questa settimana a causa di continue proteste civili e per l’apprensione circa la sicurezza nazionale.

Foto Credits: Elizabeth Muiruri/Save the Children
Foto Credits: Elizabeth Muiruri/Save the Children

“Spesso sono spinti a partire per primi dai loro genitori disperati, che restano indietro a proteggere case e proprietà dai saccheggi. Il numero di bambini vulnerabili arrivati da soli o separati dalle loro famiglie, è senza precedenti”, avverte Edwin Kuria, Regional Humanitarian Manager di Save the Children in Africa Orientale. “Siamo estremamente preoccupati per la sicurezza di chi è costretto ad affrontare un viaggio così rischioso, soprattutto i bambini, che arrivano nei campi senza scarpe e con i soli vestiti che indossano”.

Anche se i bambini riescono a raggiungere i campi profughi, già sovraffollati, senza incidenti, la loro sicurezza non è garantita, molti profughi hanno infatti segnalato atti di violenza, molestie ed intimidazioni, da parte delle milizie locali.

Bucumi 23 anni è arrivata al Mahama Camp alla fine di maggio. Questa è la sua nuova casa. Bucumi * è con suo figlio, Maliyangu *, 6 anni. Bucumi * dice che questa non è la sua prima volta da rifugiata. Racconta che i suoi genitori fuggirono dal Burundi per il Ruanda nei primi anni ’90, a causa della violenza perpetrati contro il loro villaggio. Bucumi * era una bambina all’epoca ed ha appreso i dettagli della vicenda solo quando è diventata grande. Foto Credits: Elizabeth Muiruri/Save the Children

“Senza scuole o spazi sicuri per loro dove poter stare, alcuni bambini si ritrovano a lavorare, raccogliendo legna da ardere o scavando latrine, che sono entrambi i lavori pericolosi e faticosi per dei bambini” spiega Kuria.

Nel Campo di Mahama in Ruanda c’è anche molta preoccupazione legata alla distribuzione dell’acqua, con lunghe file e attese fino a sei ore al giorno per ricevere la poca acqua potabile disponibile. Allo stesso modo, in Tanzania le strutture sanitarie nel Campo di Nyarugusu sono al collasso a causa del flusso di nuovi arrivi e alla chiusura di due reparti a seguito di un’epidemia di colera. Il numero di visite mediche quotidiane è più che raddoppiato dopo l’arrivo di migliaia di rifugiati burundesi e la richiesta di visite prenatali è aumentato di sei volte.

Fino ad oggi, sono stati 91.459 i profughi burundesi che hanno chiesto asilo agli stati vicini. In Tanzania ne sono arrivati 47.929, in Ruanda 27.732, di questi, 23.532 sono nel Campo profughi di Mahama, in RDC 9.798 e in Uganda 6.000.

Veduta del campo di Mahama in Ruanda. Foto Credits: Elizabeth Muiruri/Save the Children

Save the Children sta intensificando i suoi interventi in Tanzania, Ruanda e Repubblica Democratica del Congo, dove è presente nei campi profughi con la distribuzione di cibo e generi di prima necessità per i rifugiati più vulnerabili, compresi i bambini soli e i minori-capofamiglia, e fornendo aiuto per l’accesso ai servizi essenziali.

Nel solo 2014 Save the Children ha risposto a 103 emergenze in 53 paesi del mondo, con la distribuzione di cibo, acqua, fornitura di assistenza sanitaria, tutela e istruzione per oltre 5 milioni di persone. L’Organizzazione è presente in Tanzania dal 1986 in quasi tutte le regioni del Paese con programmi di protezione dell’infanzia, salute, nutrizione, governance dei diritti dei bambini, istruzione, sicurezza alimentare e mezzi di sussistenza e risposta alle emergenze. In RDC, dov’è presente dal 1994, Save the Children ha supportato i bambini coinvolti nei conflitti, favorendo la riunificazione familiare e realizzando programmi di salute, istruzione e protezione dell’infanzia, mentre in Ruanda, dal 1994, a seguito del genocidio, realizza programmi di protezione e riunificazione familiare ed istruzione per gli ex bambini soldato.

Per sostenere gli interventi in emergenza di Save the Children:
www.savethechildren.it/fondoemergenze