Home Maternità

Rimanere incinta: come individuare i giorni fertili

CONDIVIDI

Quando si inizia a pesare a una gravidanza si può spesso cadere in momenti di vera e propria ansia. Ciò che prima appariva una conseguenza naturale del rapporto con il proprio compagno, un finale tanto scontato da dover esser scongiurato a tutti i costi, diventa improvvisamente una meta così attesa da  sembrare irraggiungibile. Se quel bebè non arriva subito si pensa che qualche cosa non vada nell’aspirante mamma o papà  e i dubbi si affollano nella mente di entrambi. Come scongiurare questa parabola discendente verso l’ansia? Qualche calcolo mirato potrebbe aiutare.

Schermata 2015-05-18 alle 09.47.40

Piuttosto che gettarsi nel progetto del concepimento ad occhi chiusi, sarebbe infatti un bene calcolare il periodo più propizio, quello durante il quale le possibilità di successo ci sorridono e che dovremo, senza dubbio, sfruttare al meglio. Calcolare i giorni fertili, insomma.

Tutte le donne a caccia di una gravidanza si trovano di fronte a questa missione, spesso disorientate al cospetto di un compito che prevede il sapiente intersecarsi di diversi fattori per essere svolto al meglio. Calcolare quei giorni fertili appare una vera e propria mission impossible ma, seguendo qualche regola semplice e basilare, potrebbe trasformarsi in un compito assai più semplice del previsto.

CheDonn.it vi dica gli step essenziali da seguire per un calcolo a prova di minuto.

Tecniche per individuare i giorni fertili

1 – Costruire un calendario: è la via più pratica e semplice per analizzare il ciclo mestruale, colui che determina i nostri giorni fertili. Iniziate segnando il giorno di inizio del ciclo e la sua durata. Attendete poi il mese successivo e annotate anche in questo caso inizio e durata delle mestruazioni. Ora dovreste essere in gradi di sapere se il vostro ciclo è così regolare da durare 14 giorni o di quanto esso varia.

2 – 14 giorni: il momento dell’ovulazione, ovvero quello in cui si è più fertili, si calcola sottraendo 14 giorni alla data prevista come inizio del prossimo ciclo. Calcolando però che i giorni fertili si identificano come un periodo e non un singolo giorno, dobbiamo considerare anche altri fattori: la durata dell’ovulazione ad esempio, calcolata in circa 12\14 ore, o la vita di uno spermatozoo che si aggira tra i due e cinque giorni. In generale possiamo dunque identificare il periodo fertile come circa sei giorni, i cui più propizi sono quello dell’ovulazione e i due che lo precedono.

3 – Temperatura basale: è la via più antica utilizzata per verificare il periodo fertile. Il suo cambiamento denota infatti il momento propizio per trovare la tanto attesa gravidanza. Come misurarla? Si misura, per via rettale o vaginale, a partire dal quinto giorno del ciclo, appena sveglie (possibilmente sempre alla stessa ora) e in stato di assoluto riposo. Può infatti bastare un semplice movimento brusco per alterarla, così come una cena più pesante la sera precedente, insonnia, assunzione di farmaci o uno stato di seppur lieve malessere.

4 – Segnali premonitori: altri fattori che possono indicare l’inizio del periodo fertile sono aumento del desiderio sessuale, sintomi del ciclo (seno dolorante e simili) o un flusso vaginale più viscoso e trasparente (quello più indicato per condurre gli spermatozoi fino all’ovulo)

5 – Costruisci un grafico: calcolando che la temperatura basale aumenta di 0.3 o 0.5 gradi nei due o tre giorni successivi all’ovulazione, e che nel vostro periodo dovete sempre includere i due giorni precedenti  a quest’ultima, dovreste poter individuare i 5\6 giorni fertili del vostro ciclo. Per avere un margine d’errore più basso ripetete questa analisi per circa tre mesi e costruite un grafico per confrontare i risultati: evidenzierete così i giorni certamente più sfruttabili.