Home Attualità

Disagio edilizio, il degrado degli edifici scolastici sbarca su Facebook

CONDIVIDI

Chiunque può postare la sua immagine scandalosa perché, in fin dei conti, lo scopo è unico e comune: svelare al mondo il degrado della scuola italiana. Non quello culturale però, ma il più banale, e forse anche più subdolo, degrado edilizio.

Ecco in cosa consiste “Disagio Edilizio” l’evento creato su Facebook dagli studenti del Liceo Classico Manzoni di Milano.

Schermata 2015-03-04 alle 12.38.32

CHeDonna.it vi mostra alcuni dei terribili fatti pubblicati dagli studenti per illustrare lo stato di abbandono con cui ogni giorno devono convivere.

Le foto di Disagio Edilizio

«Durante la nostra recente occupazione – spiegano gli ideatori dell’evento – abbiamo creato un album, poi un evento, e infine, al termine dell’iniziativa, abbiamo deciso di andare avanti creando una pagina dedicata. Abbiamo iniziato una raccolta di foto di scuole in tutta Italia con gravi problemi di sicurezza degli spazi e integrità strutturale. La situazione infatti è drammatica e deve essere un punto fondamentale dell’intervento dello Stato che è più che mai necessario. La sicurezza degli studenti è messa in pericolo ogni giorno e non si può garantire il diritto allo studio. Vi invitiamo a denunciare le situazioni delle vostre scuole e a condividere e diffondere questa iniziativa»

Finestre rotte, porte inesistenti, solai pericolanti, pavimenti allagati, sono solo alcuni degli scorci della scuola italiana raccontata sul social network. Una situazione che, in epoca di riforme, fa ancora più arrabbiare: come dicono gli stessi studenti, “prima di parlare di una scuola digitale e tecnologizzata dovremmo preoccuparci di garantire una scuola che non cada a pezzi.”

Tanti altri licei hanno voluto contribuire all’iniziativa con scatti che, senza dubbio, faranno male a chiunque avrà occasione di osservarli: noi ve ne proponiamo alcuni ma, per scoprirne molti altri, basterà cercare su Facebook “Disagio Edilizio” e la gallery degli orrori si spalancare ai vostri occhi.