Home Attualità

Più sonno meno studio: questa la chiave per il successo dei nostri figli?

CONDIVIDI

Corsi e ricorsi storici. Per le questioni spinose ripresentarsi ciclicamente a rinvigorire il dibattito attorno alla loro problematicità è una sorta di abitudine impossibile da sradicare.

Come dimenticare ad esempio l’annosa questione circa l’orario scolastico italiano? Far iniziare le lezioni alle 8 e farle durare minimo 5 ore è una scelta corretta rispetto la salute e l’apprendimento dei nostri figli? CheDonna.it torna sull’argomento in seguito a recenti e curiosi sviluppi.

Schermata 2015-02-09 alle 10.28.54

Il Corriere della Sera ha recentemente interpellato in merito il professor Yvan Touitou, un cronobiologo professore alla Faculté de médecine de la Pitié Salpêtrière, pronto a giurare che la salute dei nostri figli passa innanzi tutto da un corretto riposo. Cosa minaccia tale presupposto? Proprio le ore di scuola.

Dormire di più è una priorità per bambini e ragazzi

Disordini alimentari, distrazione e difficoltà nella concentrazione sono solo alcune delle conseguenze a cui uno sfasamento tra i ritmi biologici e quelli imposti dall’orario delle lezioni può condurre.

Il professor Touitou non è del resto solo in questa crociata contro la sveglia troppo mattiniera che toglie ore di sonno ai nostri pargoli: un recente studio americano spiega come 9 ore tra le braccia di Morfeo siano indispensabili affinché un bambino o un ragazzo recuperino le energie. Come garantire tutto ciò se la sveglia suona alle 7 e, a causa degli sbalzi ormonali, per i ragazzi è impossibile andare a dormire prima delle 23?

Numerosi Paesi, come Francia e Finlandia, hanno ascoltato gli appelli che da anni oramai ci giungono dagli studiosi di tutto il mondo e i dati fornitici all’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) sembrano are loro ragione: i nostri figli trascorrono tra le 100 e le 700 ore annuali di più a scuola rispetto ai giovani francesi ma i loro risultati sono decisamente meno floridi di quelli dei cugini d’oltralpe.

Si tratta dunque di far sì che le ore di studio siano meno ma ben più proficue, grazie ad un precedente sonno ristoratore. L’appello verrà questa volta ascoltato nel Bel Paese? Ne dubitiamo ma, senza dubbio, i nostri figli sarebbero d’accordo con il professor Touitou, uomo di grande esperienza che potrebbe garantir loro qualche preziosa ora in più tra le coperte.