Home Attualità

SCIOPERO TRA LE LENZUOLA: è motivo di colpa nella separazione

CONDIVIDI

Sette anni. Per tutto questo tempo una signora fiorentina si è negata al marito; uno sciopero iniziato dopo la nascita della figlia. Con tutta probabilità inizialmente l’uomo sperava che si trattasse di un capriccio passeggero, dovuto alla ‘depressione post parto, che spesso affligge le neo-mamme. In seguito però  si è rassegnato a dormire in una stanza separata.

Ora la Cassazione (sentenza 19112/12) ha attribuito alla volubile donna la colpa della separazione. Sembra inoltre che la signora trascurasse anche la pulizia della casa.

Secondo la Suprema Corte ‘il persistente rifiuto di intrattenere rapporti affettivi e sessuali con il coniuge – poiché, provocando oggettivamente frustrazione e disagio e, non di rado, irreversibili danni sul piano dell’equilibrio psicofisico, costituisce gravissima offesa alla dignità e alla personalità del partner – configura e integra violazione dell’inderogabile dovere di assistenza morale sancito dall’art. 143 c.c., che ricomprende tutti gli aspetti di sostegno nei quali si estrinseca il concetto di comunione coniugale’.

Il Tribunale di Firenze, invece, aveva dichiarato la separazione personale dei coniugi sulla base del fatto che la ‘”sedatio concupiscentiae” non era l’unico esclusivo fine del matrimonio’.

La Cassazione ha bocciato il ricorso della moglie che si opponeva all’addebito della separazione e ha evidenziato che l’assenza di sesso nella coppia ‘non può in alcun modo essere giustificata come reazione o ritorsione nei confronti del partner e legittima pienamente l’addebitamento della separazione, in quanto rende impossibile al coniuge il soddisfacimento delle proprie esigenze affettive e sessuali e impedisce l’esplicarsi della comunione di vita nel suo profondo significato’.

Voi come la pensate?

Fonte: Lastampa.it