Home Salute e Benessere Bambini: il bacio della morte e il pericolo dell’herpes simplex

Bambini: il bacio della morte e il pericolo dell’herpes simplex

CONDIVIDI

Una bambina corre da sua madre con il sangue sul viso, la donna ansima quando capisce cosa è successo

Esistono malattie contagiose molto comuni alle quali non prestiamo necessariamente attenzione. Una comune infezione per alcuni può essere mortale, per esempio per le persone con bassa immunità, come i bambini e gli anziani.

Una bambina ha passato diversi mesi a soffrire prima che sua madre ricordasse un dettaglio cruciale. La sua storia è raccontata dal sito Little Things.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Il bacio della morte

Alcuni lo chiamano il bacio della morte. Quando un adulto che ha un herpes e bacia un bambino sulla bocca gli trasmette il virus senza che se ne accorga. Quest’ultimo può avere gravi conseguenze sulla salute del bambino, perfino portarlo alla morte! Questa storia testimoniil pericolo e ricorda di proteggersi da questa malattia contagiosa.

Si chiama Sienna Duffield, una bambina di due anni, il giorno dopo la sua festa di compleanno, la madre francese Savina nota la comparsa di brufoli sul viso, senza conoscerne la causa. A poco a poco, l’eruzione cutanea cresce e le condizioni della piccola peggiorano. Per mesi, la bambina soffre delle sue condizioni senza che i medici siano in grado di prescrivere un trattamento adeguato. Sua madre confessa che i suoi vestiti erano spesso macchiati di sangue e che alla fine dopo 8 mesi non poteva nemmeno mangiare a causa della sua faccia dolorosa e sanguinante. Il suo viso era coperto di vesciche simili a quelle che compaiono dopo il contatto della pelle con l’acido.

Questa situazione disastrosa durò fino al giorno in cui la madre ricordò un dettaglio cruciale. Otto mesi prima, un genitore con l’herpes aveva baciato sua figlia sulla bocca.

Grazie a queste nuove informazioni, la professione medica è stata finalmente in grado di agire consapevolmente e curare la bimba con un trattamento adeguato.

In seguito all’intervento dei medici, lo stato di Siena iniziò a migliorare e la bambina riuscì finalmente a nutrirsi senza soffrire. Sua madre era felice di poter riprendere le due uscite, senza temere gli occhi delle persone.

Savina ha condiviso la sua storia sui social media per mettere in guardia le persone sul pericolo dell’herpes simplex di tipo 1. Un brufolo apparentemente innocuo che ha interrotto la sua vita familiare per otto mesi.

Come prevenire l’herpes simplex di tipo 1?

Il virus dell’herpes simplex di tipo 1 è un’infezione altamente contagiosa che può facilmente passare da un organismo all’altro. Il rischio di contrarre questo virus è presente in tutte le persone, indipendentemente dall’età, ma rimane elevato negli individui con bassa immunità. Per prevenire il rischio di contagio di questo virus, ci sono semplici azioni da adottare quotidianamente:

Evita il contatto fisico con qualcuno che ha un’eruzione da herpes labiale, non baciarla e non lasciarle baciare i bambini. Il rischio di contagio è maggiore quando la “ferita fredda” non è completamente secca.

– Evitare l’uso di oggetti o utensili come una forchetta o un cucchiaio che sono stati utilizzati da una persona infetta, in particolare al culmine dell’eruzione.

– In caso di infezione, lavarsi accuratamente le mani con un disinfettante.

– Se il tuo partner ha il virus dell’herpes, evita i baci o altri rapporti orali.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI