Amici shock: il programma denunciato dal Telefono Rosa

amici 19

emma marrone

 

Sabato 22 Aprile Emma Marrone è tornata ad Amici accolta da applausi e tanto affetto.

Dopo l’abbandono di Morgan sembrava che il programma stesse andando alla deriva, ma la cantante è riuscita a salvarne le sorti.
-> TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Amici shock, parla un ballerino ex allievo: “Maria crede di essere Dio”

 

Lo scherzo ad Emma

Allo stesso tempo però Emma si è resa protagonista di un episodio che ha fatto scalpore ed ha avuto rilevanza mediatica internazionale.

La Marrone è stata infatti vittima di uno scherzo e proprio di vittima si parla visto che l’ilarità era generata da un ballerino decisamente troppo espansivo che fingeva di molestarla sessualmente.

Quello che era stato pensato come un innocuo scherzo goliardico, è diventato agli occhi dei più un vero e proprio esempio di violenza sulle donne, tanto che anche il Telefono Rosa ha preso posizione in merito.

 

-> TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Emma Marrone in lacrime: tutta colpa del ballerino di Amici
Il servizio, che tutela le donne, si è scagliato contro il programma Amici ed attraverso le parole della Presidente, Maria Gabriella Carnieri Moscatelli, ha espresso il proprio sdegno in un lungo post su Facebook:

“Abbiamo visto il video dello “scherzo” ad #Emma Marrone, nel corso di #Amici, e, con grande delusione e incredibilità, ci troviamo costrette a stigmatizzare l’accaduto. Uno scherzo del genere non fa ridere. Ma non solo. Uno scherzo simile denota una inaccettabile leggerezza da parte di autori che sanno bene di avere come target i giovani. Vi siete chiesti, cari autori, che messaggio resta dalle grasse risate conseguenti a una molestia sessuale? Vi siete chiesti cosa vuol dire “normalizzare” comportamenti sessualmente espliciti su una donna tutt’altro che consenziente? Siamo sicure di no. Ci auguriamo, sapendo che Maria De Filippi è una persona che ha sempre mostrato sensibilità su questo tema, che nella prossima puntata vengano fatte delle scuse a chi combatte ogni giorno la violenza e a tutte le donne e gli uomini che, giustamente, si sono indignati. Non si può fare della cultura della violenza un soggetto per una gag, esattamente come non lo si può fare per l’#omofobia, per il #bullismo e per qualunque altra forma di #violenza.”.
Maria Gabriella Carnieri Moscatelli
Presidente del Telefono Rosa Nazionale “