Home Attualità

Un uomo che riconosce il “lavoro” della sua compagna!

CONDIVIDI

Sta facendo il giro del web il post di un uomo, Tony Emms che riconosce il “lavoro” della sua compagna Charlotte Sperry. Sono diventati genitori di un bellissimo bambino circa dieci mesi fa.

Un figlio stravolge la vita di una coppia, in positivo ovviamente. Quello che però ha fatto Tony Emms merita di gran lunga uno “chapeau”, perché un giorno tornando a casa trova la sua compagna Charlotte Sperry che dorme esausta sul letto accanto al figlio. In quel momento scatta qualcosa nell’uomo e immortala la scena in una foto che posta su Facebook, corredandola con delle parole degne di essere lette, ma soprattutto degne di un riconoscimento che molti uomini faticano ad ammettere.

“Rispettate le vostre donne, lavorano tutto il giorno!”

Tony Emms - Facebook
Tony Emms – Facebook

“Qualche volta non ho dato il giusto credito a questa donna, come avrebbe dovuto meritarlo. Quando torno da lavoro lei è sempre “stanca”, però sono io quello che va a lavoro tutti i giorni, ma poi ho riflettuto su quello che questa donna stupenda fa mentre io sono fuori. Sicuramente è seduta col bambino in braccio a guardare la TV e si è riposata tutto il giorno, giusto? La risposta è NO!

Quando esco per andare a lavoro, si sveglia ed entra subito in azione per essere pronta ad affrontare un’altra giornata faticosa… così si sveglia il bambino e piange perché ha fame, anche lei ha fame, ma non mangia, fa mangiare il bambino. Poi si siede e gioca col lui, cambia i pannolini disgustosi, poi gioca nuovamente con lui, finalmente si addormenta… bene ora lei può riposare, ma non lo fa.

Fa il bucato, disinfetta i giocattoli del bimbo, lava i piatti accumulati dalla sera prima. Poi si sveglia il bambino e ha fame. La mamma non ha fatto colazione, ma ancora non mangia perché prepara il pranzo al bimbo. Dopo il pranzo il piccolo vuole attenzioni e ci gioca…ricordatevi la mamma in tutto questo non ha ancora mangiato. Tutte le pulizie fatte precedentemente è stato tempo sprecato… i giocattoli del bambino sono ovunque..

Torno da lavoro e mi irrito nel vedere tutto quel disordine e dico che la mamma non ha fatto niente tutto il giorno, invece si è fatta in quattro per curarsi del bambino e renderlo felice… se c’è qualche altro papà la fuori che si sente come me, a quel papà dico: pensa a quello che hai fatto tu durante il giorno e quello che ha fatto la tua donna. Rispetta la madre di tuo figlio. E’ un essere molto speciale che ha rinunciato a tutto per crescere tuo figlio.

Io li amo sinceramente e tutte e due meritano il riposo.”