Home Cultura

LIBRI: ‘Caterina la Grande’

CONDIVIDI

4ef04b0b-824f-4707-b9ea-57cfa736f62aCaterina II di Russia era una modesta principessa tedesca, Sofia di Anhalt-Zerbst, quando fu prescelta – per una delicata alchimia di equilibri politici – come sposa dell’erede al trono di Russia. Costui, il futuro Pietro III, si rivelò un giovane debole, disadattato, incapace di sostenere il ruolo che la storia gli aveva assegnato, nonché fanatico partigiano di Federico II di Prussia: tutte ragioni che contribuirono a renderlo inviso al popolo e all’esercito soprattutto.

Dopo aver sopportato infinite amarezze e affrontato lotte e intrighi con una determinazione incrollabile, Caterina II – in seguito alla morte della zarina Elisabetta – si pose a capo della congiura contro Pietro III: detronizzò e lasciò assassinare il marito e finalmente regnò sola!

Con il suo regno, durato trentaquattro anni, Caterina II si è conquistata di diritto un posto tra i più grandi sovrani di tutti i tempi. Questa biografia, più che dilungarsi sulla storia del suo impero, si concentra, con dovizia di particolari ed esemplare introspezione psicologica, sulla donna e granduchessa, sulla sua formazione e laboriosa preparazione a governare. Sullo sfondo un’inedita corte russa dove l’amore si confonde con l’intrigo e la sordida umanità si cela dietro al lusso più sfrenato. Caterina la Grande è un dramma a tre voci: quelle di Elisabetta, Pietro e Caterina. Ma anche la tragedia di un popolo che, sotto la guida del rivoluzionario Pugačëv, tenta di spezzare antiche catene.

Zoé Oldenbourg (1916-2002), nata a San Pietroburgo e cresciuta a Parigi, unisce il rigore dell’informazione storiografica a una singolare efficacia pittorica e a una sensibilissima analisi psicologica. Caterina la Grande fa seguito a un altro importantissimo e celebre libro sulle Crociate con cui la scrittrice esordì nella saggistica storica dopo una fortunata attività di narratrice. Con il romanzo La Pierre angulaire ha meritato il prestigioso Prix Fémina.