Home Attualità

Disabile insultato da Nina Moric ribatte: “una persona veramente stupida”

CONDIVIDI

Una bufera scatenata attorno a quella risposta vile e offensiva che Nina Moric (o per meglio dire il suo profilo Instagram) aveva rifilato a Manuel, ragazzo disabile con la passione di collezionare scatti in compagnia dei famosi.

In molti si sono espressi sull’argomento ma finalmente è il diretto interessato a dire la sua.

PicMonkey Collage

Manuel è infatti ospite a Pomeriggio Cinque e racconta la storia a Barbara d’Urso.

VIDEO NEWSLETTER

Manuel commenta gli insulti di Nina Moric

La prima a presentarsi in tv per dire la sua era stata Nina Moric o, per meglio dire, il suo fidanzato, dato che l’ex modella non se l’era sentita di uscire dalle quinte dove, tra le lacrime, continuava a sostenere la sua totale estraneità ai fatti. La spiegazione era comunque semplice: un hacker si era impossessato dell’account di Nina e aveva formulato la vergognosa risposta a Manuel. Ma cosa ne pensa il diretto interessato?

Oggi, ai microfoni di Barbara d’Urso, si è presentato proprio lui, il ragazzo disabile che aveva contattato la Moric per una foto. “Quando mi vieni a trovare?” aveva scritto allegando la foto di lui in compagnia di Cristina Buccino. Dal profilo di Nina era giunta una risposta ricca di insulti sia all’indirizzo della show girl che del ragazzo stesso, arrivando ad augurare persino la morte.

Manuel chiarisce però subito la sua posizione: “Io credo a Nina”. Avendo avuto egli stesso il pc violato da estranei che lo riempivano di insulti, il ragazzo non ha infatti dubbi che un simile destino possa essere toccato alla celebre ex di Fabrizio Corona. Ad avvalorare la tesi c’è poi il colpo di scena finale: “domani incontro Nina Moric. […] Facciamo stare zitti tutti”. Nina infatti lo ha contattato, garantendo di andarlo a trovare questo venerdì in compagnia della denuncia fatta da lei stessa contro ignoti.

Tutto è bene quel che finisce bene? Diciamo di sì, anche se ci piacerebbe tanto vedere ai microfoni della d’Uso i “simpatici burloni” autori di quel vergognoso messaggio: le loro spiegazioni sarebbero certo interessanti.