Nutella: scontro tra Francia e Italia

La Nutella scatena tensioni tra Francia e Italia

nutella

La Nutella, famosissima crema di cacao e nocciole della Ferrero, è al centro di una disputa tra Francia e Italia. CheDonna.it vi spiega perché.

Francia e Italia litigano sulla Nutella

Non bastavano le tensioni sui migranti fermi alla frontiera di Ventimiglia, ora tra Francia e Italia scoppia anche la disputa sulla Nutella, la famosissima e golosa crema di cacao e nocciole prodotta dalla Ferrero e amata in tutto il mondo.

Ségolène Royal, ministro per l’Ecologia ed ex compagna del presidente François Hollande, si è scagliata contro la Nutella invitando i francesi a non mangiarla più se vogliono contribuire a “salvare il pianeta“. Per quale motivo? Perché la Nutella avendo tra i suoi ingredienti l’olio di palma sarebbe responsabile, tra gli altri, della deforestazione del pianeta. Questo ingrediente infatti si ricava dagli alberi di palma, in particolare quelli dell’Indonesia, che vengono abbattuti a decine di migliaia per poterlo estrarre. Un problema di cui si è iniziato a discutere da qualche tempo e che è stato recentemente anche al centro di un’inchiesta della trasmissione Report.

“La deforestazione massiccia ha come conseguenza il riscaldamento climatico. E la deforestazione è causata anche dall’uso dell’olio di palma, contenuto nella Nutella”, ha spiegato la Royal alla tv francese.

Subito è arrivata la replica della Ferrero, che ha riferito di utilizzare nella Nutella e nei suoi prodotti “al 100% olio di palma certificato sostenibile”. L’azienda piemontese ha anche precisato di avere preso “numerosi impegni per quanto riguarda l’approvvigionamento di olio di palma”, la cui coltivazione, ha aggiunto, “può andare di pari passo con il rispetto dell’ambiente e delle popolazioni“.

Nel frattempo, è scattata la polemica. Michele Anzaldi del Pd, componente della commissione Agricoltura, ha commentato su twitter: “Grave e brutto scivolone della Francia sull’eccellenza italiana”, pretendendo le scuse da Ségolène Royal. “Bastava andare sul sito. La Ferrero dal 1 gennaio 2015 fa parte della Tavola Rotonda sull’Olio di Palma Sostenibile”, ha sottolineato. Indignato anche il Ministro dell’Ambiente Galletti: “Ségolène Royal sconcertante: lasci stare i prodotti italiani”, ha detto.

Da leggere

Articoli che potrebbero interessarti