Home Attualità

Il disordine genera la creatività!

CONDIVIDI

 L’ultimo libro dell’autore americano Steven Johnson intitolato “Da dove vengono le buone idee: la storia naturale dell’innovazione”, illustra le teorie del neuro-scienziato Robert Thatcher che sostiene che le idee devono mescolarsi per generare il genio.

dirodine
Uno spunto con il quale Johnson spiega come l’essere disordinato celi uno zelo di genialità! Insomma, l’autore, che ha scritto numerosi bestsellers su scienza e tecnologia, spiega che l’origine della creatività non può essere che caotica.

In tal senso anche le idee devono muoversi per creare stimoli e connessioni al pensiero, al di fuori degli schemi rigidi. Ecco perché secondo Johnson circolano più idee nelle grandi città dove regna il caos.

Il fare più cose e dedicarsi a più hobby aiuta ad essere persone che risolvono i problemi più facilmente, grazie al numero di connessioni scaturite dagli interessi e che forniscono più malleabilità al cervello. Inoltre, il quotidiano LaStampa evidenzia che l’autore ricorda che il disturbo bipolare e quello di deficit d’attenzione sono associati ad alti livelli di creatività. Anche condizioni fisiche estreme, come lo stato di ubriachezza o l’essere esausti, per lo scrittore provocano confusione nella mente e rendono il cervello più propenso a nuove scoperte.
Nella vita, questi fattori si traducono nella disorganizzazione che contribuirebbe agli stimoli. Tuttavia, l’autore tiene a precisare che è bene portare a termine le cose intraprese perché quest’ultime genereranno altre idee. L’importante, sottolinea lo scrittore, è evitare di fossilizzarsi e lavorare affinché l’intuizione sia più fruttuosa, casomai applicando metodi di brainstorming, ovvero confrontare le proprie idee con quelle degli altri.
E allora, inutile perdere tempo a tenere in ordine la propria scrivania o i cassetti pieni di oggetti inutili. Forse un giorno, in base alla teoria, quando andrete a riaprire quel cassetto, potrebbe arrivare l’idea geniale che vi farà cambiare vita o punto di vista!
Un metodo che rievoca un vecchio detto: “Tutto fa brodo”, spesso dispensato dai genitori che incitano i loro figli a fare più esperienze.