Home Attualità

Ruby Ter: 8 olgettine presentano ricorso al Tribunale del Riesame

CONDIVIDI

Nuovi risvolti dall’inchiesta Ruby Ter a carico di 45 indagati tra i quali una ventina di “olgettine” ovvero le giovani donne che hanno preso parte ai festini organizzati nella residenza dell’ex premier Silvio Berlusconi e che avrebbero taciuto, dietro compenso, durante i processi Ruby e Ruby bis.

ITALY-POLITICS-SEX-TRIAL-BERLUSCONI

I reati a carico degli indagati sono falsa testimonianza  e corruzione in atti giudiziari.

Durante le indagini, lo scorso 17 febbraio la polizia giudiziaria, su ordinanza della Procura ha effettuato delle perquisizioni nelle abitazioni degli indagati, sequestrando tutto il materiale sensibile, come pc e cellulari delle giovani ragazze col fine di svolgere ulteriori accertamenti sui movimenti di denaro destinato alle ragazze.
Tuttavia, otto ragazze hanno presentato un ricorso al Tribunale del Riesame di Milano contro i sequestri di soldi, materiale informatico, telefoni e appunti manoscritti.

Tra queste, Aris Espinoza e Iris Berardi hanno presentato il ricorso la scorsa settimana, in quanto durante le perquisizioni le sono state sequestrati circa 7 mila euro ciascuna, cellulari, tablet, pc, chiavette Usb. A loro si sono aggiunte Francesca Cipriani, alla quale sono stati sequestrati 45 mila euro, in banconote da 500 euro, Alessandra Sorcinelli che vive a Bernareggio in un villa del valore di 1 mln di euro, le gemelle Imma e Eleonora De Vivo, Myriam Loddo, Raissa Skorkina.

Secondo l’ipotesi accusatoria, l’ex cavaliere avrebbe messo a diposizione somme di denaro e degli immobili alle ragazze chiamate a testimoniare durante i processi che lo vedevano indagato, per “comperare” il loro silenzio.

Tra gli indagati anche Berlusconi e la giovane marocchina Ruby, per cui il procuratore aggiunto di Milano Pietro Forno e i pm Tiziana Siciliano e Luca Gaglio hanno inviato una rogatoria verso il Messico poter individuare elementi utili sulle proprietà riconducibili a Ruby a Playa del Carmen. Tra cui il ristorante Casa Sofia, con un pastificio, gestito dal compagno di Ruby, Luca Risso, e un paio di palazzine con appartamenti da affittare.