Home Attualità

L’altezza dei bambini dipende all’80% da quella dei genitori

CONDIVIDI

Uno studio condotto su oltre 250 mila persone in Europa, Stati Uniti, Australia e pubblicato sulla rivista Nature genetics ha mostrato come l’altezza dei figli dipenda all’80% da quella dei genitori e il restante 20% dalle condizioni ambientali.

FRANCE-EDUCATION-SCHOOL-YEAR-START

Come riporta il corriere.it, la ricerca condotta dal consorzio internazionale Genetic investigation of anthropometric traits (Giant), in collaborazione del dipartimento di Medicina clinica e sperimentale dell’Università di Pisa, ha dimostrato che l’altezza dipende in gran parte dai geni per cui sarebbero quasi 700 le varianti geniche, localizzate in oltre 400 regioni geniche diverse, coinvolte nel determinare la statura.

“Il meccanismo è molto complesso. Nessuna caratteristica fisica era stata finora collegata ad un numero così elevato di geni. Di molti ancora non si conosce il ruolo, alcuni sembrano attivi alle estremità delle ossa lunghe, altri nel metabolismo del collagene e del condroitin solfato, che compongono rispettivamente ossa e cartilagini”, ha spiegato Joel Hirschhorn, specialista in endocrinologia al Children’s Hospital di Boston e presidente del consorzio.

Una ricerca importante anche finalizzata “a svelare le anomalie della crescita, come il nanismo, e per comprendere meglio i meccanismi alla base di malattie come cancro, diabete, osteoporosi, che sembrano legate alla statura in quanto derivanti da alterazioni della crescita cellulare”, ha poi aggiunto Hirschhorn.

Il restante 20% sarebbe invece collegato all’ambiente in cui crescono i bambini. “A livello di popolazione generale siamo diventati più alti nell’arco delle ultime generazioni, grazie al miglioramento degli stili di vita”, ha spiegato Maria Grazia Patricelli, responsabile dell’ambulatorio di Genetica medica dell’ospedale San Raffaele di Milano, sottolineando che “il primo fattore importante è senza dubbio l’alimentazione, che in occidente negli ultimi decenni è risultata sempre più completa, assicurando all’organismo i nutrienti essenziali per lo sviluppo osseo, come proteine, calcio, vitamina D. Il secondo è la possibilità di curare in modo corretto le infezioni, dato che quelle trascurante possono rallentare l’accrescimento”.