Home Attualità

LIBRI: ‘Shungite, energia di vita’

CONDIVIDI

Cop_ShungiteLa shungite è una pietra in grado di portare benefici alla salute, neutralizzare le onde elettromagnetiche e armonizzare il sistema bioenergetico umano. Nel libro Shungite, Energia di vita l’autrice Regina Martino analizza le straordinarie proprietà di questa roccia formatasi più di due miliardi di anni fa nella regione russa della Carelia, e ancora poco nota nei paesi occidentali.

Andiamo a scoprirne le applicazioni pratiche, attraverso alcuni estratti del libro.

Quali benefici reca la shungite alla salute?

Gli studi svolti in Russia sulle applicazioni della shungite a scopi terapeutici ci hanno dimostrato l’efficacia e la capacità della pietra di stimolare le difese immunitarie e rendere più veloci i processi di guarigione.

Dal nostro punto di vista non medico siamo interessati all’impiego della shungite nel campo del benessere. Questo minerale al suo stato naturale, qualunque ne sia la forma, non ha rivelato effetti collaterali negativi, può essere utilizzato senza uno specifico controllo medico. Naturalmente in presenza di una qualsiasi patologia, la shungite non può certo sostituire il parere del medico.

In ogni caso è certo che la shungite non entra mai in conflitto con altre terapie anche mediche perché essa agisce sul nostro corpo energetico e lo assiste nei suoi sforzi per ritrovare equilibrio e salute.

Quali proprietà presenta l’acqua di shungite?

Il primo utilizzo storicamente conosciuto della shungite fu l’assunzione delle acque sorgive dalle rocce intorno al lago Onega in Carelia. È bevendo quell’acqua che gli abitanti della regione hanno potuto rendersi conto delle sue proprietà. L’assunzione di quell’acqua per secoli è in sé la prova del benessere che apportava agli abitanti della zona in cui tale consumo è più che mai praticato.

Certamente importare acqua di quelle sorgenti sarebbe costoso e non semplice in quanto sarebbe necessario creare infrastrutture in Carelia attualmente inesistenti. Ma le proprietà della shungite si manifestano mettendo semplicemente frammenti della pietra a contatto con l’acqua potabile (…).

La shungite con il suo potere dinamizzante e rivitalizzante riconferisce all’acqua la capacità di idratare i nostri tessuti e di penetrare profondamente nelle cellule.

L’acqua di shungite può essere quotidianamente utilizzata come bevanda energetica. Se siete in buona salute consigliamo di berne un bicchiere tutte le mattine con una pausa di una settimana per mese. Se siete ammalati o convalescenti potete berne due o tre bicchieri al giorno.

Come fare i bagni di shungite?

I bagni in acqua contenente shungite possono essere molto utili per recuperare energia e benessere, alleviare la fatica e migliorare la circolazione. Per preparare un bagno i sassi di shungite vanno messi in un sacchetto di tessuto che va lasciato nella vasca da bagno per 10 minuti.

Restate nella vasca per almeno una ventina di minuti per ottenere il massimo effetto.

Quali i vantaggi dell’indossare la shungite?

Indossare una bella pietra è un piacere. Il primo gesto istintivo di un appassionato di cristalli è quello di far scivolare una pietra in tasca. È una buona idea ma, ricordatevelo, perché dimenticare una pietra in fondo a un giaccone con i fazzoletti e le chiavi della macchina rischia di ridurre l’influenza del cristallo. Portare su di sé una pietra di shungite, come abbiamo visto in precedenza, protegge, tonifica, dinamizza e quando si è un po’ affaticati basta prendere questa pietra in mano per soli tre minuti e subito l’energia vitale riparte istantaneamente (…).

Indossare un ciondolo di shungite a livello del chakra del cuore fa sì che la pietra entri in contatto con un punto molto ricettivo e il suo effetto benefico ne è amplificato.

Una collana di perle di shungite, grazie alla sua estensione, eserciterà un potente effetto su tutto il corpo energetico.

I bracciali sono anch’essi molto efficaci perché il polso è il punto di passaggio di numerosi meridiani energetici. Essi sono particolarmente utili per quelli che la maggior parte della giornata muovono il mouse o tengono in mano un telefono evitando così l’intorpidimento di mano e braccio.

Gli orecchini, anche di piccolo formato, proteggono l’orecchio dall’impatto delle onde dei cellulari e dei telefoni senza fili (…).