Home Attualità

Quando Mediaset censurò Lupin

CONDIVIDI

I cartoni animati, soprattutto quelli di origine giapponese, ci hanno abituato a doppi sensi, scene spinte e provocazioni. Dettagli che da piccole ignoravamo e che da grandi abbiamo imparato a conoscere con un sorriso e un pizzico di stupore malcelato.

Tra i più sorprendenti in tal senso c’è senza dubbio Lady Oscar, animazione a sfondo storico tra le più censurate di sempre che oggi torniamo a scoprire in una veste inedita. In pochi ricorderanno infatti l’incontro tra questo cartone e Lupin, altro storico personaggio del piccolo schermo: un rendez-vous  bollente che oggi CheDonna.it vi svela in un’inedita veste integrale.

Schermata 2014-09-22 alle 14.19.20

I due personaggi si incontrarono nella centesima puntata di Lupin (anche se alcuni sostengono fosse invece la numero 99) ma la conclusione del loro confronto fu tanto hot da spingere la televisione italiana all’ennesima censura. Cosa accadde di tanto scabroso? Eccolo svelato.

Mediaset censura Lupin mentre denuda Lady Oscar

Folle amore a Versailles è il titolo della puntata incriminata, quella in cui il ladro gentiluomo incontra il misterioso cavaliere, da cui si sentirà ubico attratto pur scoprendo solo nel finale che si tratta di una donna.

Proprio negli ultimi minuti i due si affrontano per il possesso di una favolosa corona e Lupin, con un rapido movimento di spada, lascia la povera Oscar letteralmente “come mamma l’ha fatta”: un pizzico di imbarazzo e una non tanto velata sensualità tingono così di un passionale rosso il finale della puntata che Mediaset non si sentì però di mandare in onda in modo integrale nei lontani anni ’80. Ecco allora che la scena venne sostituita con una variante decisamente più soft, quella nota a tutti in cui la nudità è rappresentata solo da un fermo immagine di spalle.

Su Youtube ritroviamo però oggi il montaggio originale, quello considerato dagli esperti una vera rarità nel mondo degli anime e che oggi vi riproponiamo. Buona visione per questo ennesimo ritorno shock nell’infanzia.