Home Attualità

LIBRI: ‘Bei tempi per gente cattiva’

CONDIVIDI

cover

Il secondo romanzo della serie, intitolato Bei tempi per gente cattiva, si apre con la convalescenza del commissario Benussi dopo il terribile incidente con cui si è conclusa l’avventura di Nessuno è innocente.

Benussi è in campagna, si annoia, tenta di scrivere un giallo. A spezzare come un colpo secco l’insolita monotonia di quelle giornate arriva il rapimento di sua moglie. Benussi non può prendere parte attiva alle indagini perché è ancora bloccato e infermo.

Come il protagonista de ‘La finestra sul cortile’ guida a distanza i suoi due giovani ispettori. Carla, sua moglie, è rimasta intrappolata in una rete tessuta nel tempo, durante la guerra nella ex Jugoslavia tra serbi e bosniaci. Un viluppo di odi fratricidi e di amori sconvolgenti e colpevoli.

Roberta De Falco è lo pseudonimo di Roberta Mazzoni, esperta sceneggiatrice che ha scritto per il cinema, la televisione e il teatro italiani. È nata a Milano nel 1951. Vive adesso tra Roma e Trieste, è un’appassionata lettrice di gialli e ha deciso di dedicarsi alla scrittura per dare vita alle figure del commissario Ettore Benussi e dei suoi ispettori, la giovane e intelligente Elettra Morin e il sensibile e spiritoso Valerio Gargiulo. Trieste e la squadra di Benussi sono al centro del suo primo successo, Nessuno è innocente (maggio 2013) e ritornano nel secondo e nel terzo romanzo della trilogia. La città di confine, le sue architetture eleganti, i moli, i vecchi negozi sembrano voler custodire e nello stesso tempo lasciar trapelare i traumi che la storia ha impresso sui singoli.