Poesia dedicata al ‘mejo amico mio’, il cane e l’uomo

Er Mejo Amico Mio
1507901_10202832600398582_123920212_n
Lo presi ch’era ancora cuccioletto,
riccioluto e più nero der carbone.
Mo, so’ cinquanni, ormai, che ‘sto barbone
dorme co’ me sotto lo stesso tetto.

Sta sempre pronto, pieno de rispetto,
ubbidiente ar comanno der padrone;
nun chiede gnente, solo un po’ d’affetto
che te lo contraccambia a sprofusione.

Vò sta’ co’ me; si nun me vede spasima;
quanno ritorno, è lui che dà l’avviso.
E pe’ fortuna che nun ciànno l’anima le bestie.

Si no, poveri cristiani!
Hai voja a fa’ la fila in paradiso!
Ce farebbero entra’ solo li cani.

[Francesco Possenti]

Da leggere