Home Attualità

LIBRI: i MOSTRAZ in libreria!

CONDIVIDI

Mostri in libreria? Ma come ci sono arrivati? E dove andranno? Magari, conoscendoli, scopriremo che non sono molto diversi da noi! Un divertentissimo albo illustrato che ci racconterà dei mostri di Mostraz e della loro più straordinaria scoperta: la terra e i bambini.

Un libro che parla della meraviglia dei libri e della lettura.
Un libro che invita ad andare in libreria, per incontrare amici speciali.
Un libro per giocare con i mostri, che assomigliano così tanto a noi!

Da tanti anni, con lo slogan “Diamo voce ai bambini”, tengono insieme laboratori creativi dei più esplosivi e divertenti, con la loro associazione “Il Trabiccolo dei sogni”. Ora Chiara (attrice, animatrice, scrittrice) e Francesca Cavallaro (illustratrice), per la prima volta fianco a fianco anche in un libro stampato, hanno deciso di far viaggiare i loro Mostraz in tutte le librerie italiane.

Proprio all’interno dei laboratori creativi in libreria ideati e tenuti da Chiara e Francesca sono nati i Mostraz, mostri mostruosissimi ma anche un po’ timidi, impacciati, curiosi, chiacchieroni e avventurosi… insomma, proprio come i bambini. “Mostraz” ci porterà a scoprire una galleria di coloratissimi e simpaticissimi mostri, cascati per caso dentro a un libro, mentre giocavano a nascondino, e catapultati… direttamente tra gli scaffali di una libreria. Ad annunciare il loro arrivo è il caratteristico profumo di frittata (merenda preferita del mostro Luigi) e la paura iniziale è subito vinta dalla curiosità: chi saranno questi mostri?

Luigi veniva da Mostraz, una terra che è un po’ come la nostra: ci sono le case, le strade di sassi, gli alberi, non ci sono le macchine, ci sono le bici, i panini, la pastasciutta, le bibite… ma tutto è molto MOSTRUOSO. A Mostraz i mostri cantano, ballano, litigano, fanno le gare con le bici e con i rutti, fanno i pic-nic, mangiano i budini al cioccolato…“.

Naturalmente, per incontrare i Mostraz non c’è che una cosa da fare: andare in libreria, un posto fantastico “dove c’è sempre un buon odore di libri, di storie e avventure”.