ABITI SPOSA: la scollatura, come scegliere quella giusta

La scollatura adatta in base al proprio fisico -Fin da quando eravamo piccole, ognuna di noi ha immaginato almeno una volta (se non molte di più)  l’abito che avremmo indossato il giorno del fatidico si.

Strati di tulle, corpetti luccicanti, linee sensuali, veli lunghissimi e guanti di seta la fanno sicuramente da padrone nel momento in cui si sogna l’abito da sposa perfetto. Ma non sempre la perfezione immaginata dalla nostra mente corrisponde alla perfezione nella realtà e così accade che l’abito dei sogni non si adatta per niente al nostro fisico.

Tra le varie opzioni che bisogna valutare nel momento reale in cui si sceglie l’abito una delle fondamentali è la scollatura che si deve conformare alla corporatura e valorizzare busto, decolté e viso.

L’abito da sposa può avere infatti molti tipi di scollatura: da quella senza spalline, più adatte alle sposine con braccia toniche e seno piccolo, a quella quadrata che slancia la silhouette, fino alla scollatura a cuore perfetta per chi ha un seno abbondante ma meno per le spose che non dispongono di tanti centimetri di altezza.

Si addice generalmente a tutte le donne lo scollo a v, molto sensuale soprattutto se la scollatura è profonda, così come quello tondo, asimmetrico e drappeggiato mentre se avete e spalle strette e petto prosperoso optate per uno scollo a barchetta molto elegante.

Infine super raffinato è l’abito con girocollo alto in pizzo ricamato ma si tratta di un modello adatto  principalmente alle spose con collo lungo e abbastanza alte.

PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI SUL MATRIMONIO CLICCA QUI.