Home Senza categoria Satira: differenze uomo-donna

Satira: differenze uomo-donna

CONDIVIDI

Alcune battute sulle differenze tra i due sessi in particolari situazioni 

A cena fuori

4 Uomini a cena fuori: anche se il conto è di 80 euro, ognuno tirerà fuori 20 euro e dirà che non ha tagli minori, e non vorrà il resto. 

4 donne a cena fuori: quando arriva il conto, compare la calcolatrice. 

Soldi

Un uomo pagherà 5 euro per un oggetto che ne vale 2, se lo vuole. 

Una donna pagherà 2 euro un oggetto che ne vale 5, e che non vuole. 

Bagno

Un uomo ha in media 6 oggetti nel bagno: uno spazzolino, un dentifricio, una schiuma da barba, un rasoio,  un sapone e un asciugamano dell’Holiday Inn. 

Una donna ha in media 337 oggetti, la maggior parte dei quali un uomo non riesce a identificare. 

Discussioni

Una donna ha l’ultima parola in ogni discussione. Qualsiasi altra cosa un uomo dice è l’inizio di una nuova discussione. 

Futuro

Una donna si preoccupa del futuro finché non trova un marito.
Un uomo non si preoccupa mai del futuro finché non trova una moglie. 

Successo

Un uomo di successo è colui il quale guadagna più di quanto sua moglie sia in grado di spendere.
Una donna di successo è quella che trova quest’uomo. 

Matrimonio

Una donna sposa un uomo sperando che cambi, e lui non cambierà .
Un uomo sposa una donna sperando che non cambi, e lei cambierà . 

Vestirsi bene

Una donna si veste bene per fare shopping, dare acqua alle piante, buttare la spazzatura, rispondere al telefono e prendere la posta.
Un uomo si veste bene per i matrimoni e per i funerali. 

Naturalezza

Gli uomini si svegliano con lo stesso aspetto con il quale sono andati a dormire.
Le donne in qualche modo si deteriorano durante la notte. 

Prole

Una donna sa tutto dei suoi bambini: appuntamenti dal dentista, migliori amici, sogni, incubi, paure e speranze.
Un uomo è vagamente a conoscenza di una persona di bassa statura che circola in casa sua. 

Pensiero del giorno

Ogni uomo sposato dovrebbe dimenticare i propri errori: non c’è ragione perché due persone ricordino le stesse cose.