23 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Calciatori gay: Cecchi Paone chock "Sono stato con calciatore serie A"

Colombo, Cecchi Paone ed altri a Mattino 5 Roma - A Mattino 5 si discute ancora di calciatori omosessuali. L'argomento principale ? il perch? suoni cos? strano che tra i calciatori ci siano omosessuali, e perch? se ne debba

Colombo, Cecchi Paone ed altri a Mattino 5 Roma - A Mattino 5 si discute ancora di calciatori omosessuali. L'argomento principale è il perchè suoni così strano che tra i calciatori ci siano omosessuali, e perchè se ne debba fare notizia. In studio si inizia con il video di Colombo al Chiambretti Night, del quale vi abbiamo già parlato ad inizio settimana, dove Colombo faceva diverse dichiarazioni sul mondo gay nel calcio. A destare un po' di stupore stavolta è Cecchi Paone, che in collegamento esterno con lo studio, ammette di avere avuto una storia con due calciatori: "Uno è famoso, e gioca in serie A, mentre l'altro è meno conosciuto e gioca in serie C1. Erano entrambe bellissime storie d'amore, ma sono naufragate per la loro paura dei tifosi, della direzione, dello spogliatoio.
Adesso hanno uno una finta fidanzata e l'altro una finta moglie". "Un giocatore che riuscisse ad ammettere di essere gay, sarebbe un segno importante per i gay di tutto il mondo, per aiutarli ad uscire allo scoperto, come icona, come simbolo", aggiunge Colombo. Si discute del perchè ci siano ancora discriminazioni, del perchè chi lo è non riesce ad ammetterlo, anzi si nasconde e si cela dietro falsi rapporti sentimentali. "Quando feci coming out credevo che tutti si sarebbero accaniti su di me, invece il giorno in cui uscì la notizia tutti mi festeggiarono per il coraggio di averlo fatto", continua Cecchi Paone. Se anche i calciatori lo facessero finirebbe tutto questo scalpore per qualche sporadica dichiarazione altrui? E i tifosi, come reagirebbero a sapere che il calciatore di punta della loro squadra fosse gay? Forse dovrebbe iniziare da noi un po' di discriminazione in meno, sarebbe un mondo più libero.

Articoli Correlati