23 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Facebook: foto e video choc di Alisa Kuzmenco

  • Facebook: foto e video choc di Alisa Kuzmenco
Alisa Kuzmenco. Video e foto?su Facebook, mentre squarta animali. ? Si credeva fosse opera sua in questi giorni sulla pagina Facebook che porta il suo nome, la pubblicazione di numerose foto choc che la ritraevano, ma cos?

Alisa Kuzmenco.
Video e foto su Facebook, mentre squarta animali. Si credeva fosse opera sua in questi giorni sulla pagina Facebook che porta il suo nome, la pubblicazione di numerose foto choc che la ritraevano, ma così non è. La ragazza si trova in carcere da un anno per le atrocità commesse sui poveri cani, ma la cosa assurda è che qualcuno ha riaperto a suo nome un'altra pagina, dove ha riproposto tutte le atrocità che questa ragazza avevo immortalato tempo fa. Le ossa del cane mentre si scioglievano nell'acido, le foto della ragazza sdraiata per terra che imita la povera bestia cosparsa di sangue, la fase della scuoiatura hanno scatenato l'ira del mondo del e chi gestisce la pagina ha commentato: "era solo un cane, questa è arte!". La pagina è stata prontamente rimossa. Da quanto si capisce leggendo le spiegazioni che l'artista killer ha rilasciato sulla sua bacheca pare che la Kuzmenko avrebbe trovato un questo povero cane in cattive condizioni in un parco (cattive, ma almeno era in vita....ci viene da aggiungere). Lo porta così a casa per renderlo protagonista della sua opera: uccide il cane, lo fotografa e si fotografa allegra distesa vicino a quel che rimane di lui. Oggi anche Rita dalla Chiesa durante la diretta di Forum, su canale 5 denuncia il fatto.
Centinaia sono le mail che le sono arrivate in studio per segnalare questa pagina atroce. Rita invita tutti gli utenti a comunicare numerosi alla mail poltel.cr@poliziadistato.it quello che hanno visto, in modo che le persone possano pagare per le cose macabre e scandalose che sono state fatte ed ora riproposte. Ci uniamo all'avviso di Rita, consigliandovi di denunciare queste vicende, sempre maggiori sul mondo web, in modo che la legge faccia il suo corso.