17 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Alla Juve tanti gay: al Chiambretti Night si parla di omosessualità in campo

  • Alla Juve tanti gay: al Chiambretti Night si parla di omosessualità in campo
Milan, Juve e tante altre. In campo tra pallone e calciatori gay ROMA - Come di consueto al Chiambretti Night, si parla di argomenti ?scottanti?. Ieri la serata ? stata dedicata al calcio con i suoi scandali e retroscena,

Milan, Juve e tante altre.
In campo tra pallone e calciatori gay ROMA - Come di consueto al Chiambretti Night, si parla di argomenti ’scottanti’. Ieri la serata è stata dedicata al calcio con i suoi scandali e retroscena, dal caso escort alle confessioni di Paolo Colombo, volto noto del canale La7, che nel 2008 chiese all'allora direttore di poter rivelare la sua omosessualità.
Arrivò il permesso e soprattutto 'un'autorizzazione' pubblica: al giornalista fu affidato uno spazio all’interno della trasmissione 'Niente di Personale' con la rubrica ‘Diverso Parere’. Colombo giocò nella Nazionale Italiana Gay, partecipando anche alle Olimpiadi Gay di Colonia che gli ha permesso di conoscere più a fondo gli spogliatoi italiani.
Ed ecco le rivelazioni choc: "Moggi ha spesso detto e dichiarato di non volere gay nella sua squadra a suo tempo, ma non sapeva che la Juve ne era piena!" Inizia un divertito Colombo ad un estasiato Chiambretti, che incalza "Chi chi, non ci dire i nomi, ma almeno i ruoli....dai dai!".
"Diciamo che dal centro campo all'attacco ce n'erano e ce ne sono diversi! Ma la Juve non è l'unica...Diciamo che l'aria di Torino forse incide un po' su questo fattore" - ride (alludendo al fatto che anche nel Torino si trovino calciatori omosessuali, ndr) -. "Anche nelle altre squadre italiane ci sono stati e ce ne sono tutt'ora.
Soprattutto nelle squadre che sono sempre in vetta alla classifica. Te ne accorgi perchè quando ti riunisci con loro, gli unici che fanno i vaghi su questo argomento, che spostano lo sguardo e guardano altrove, sono proprio quelli gay! Una volta mi è successo nel Milan...Un calciatore che poi ha lasciato la squadra per andare all'estero...Un'altra volta è stato un giocatore straniero venuto in Italia negli anni '90, che poi si è sposato....era molto imbarazzato in certi argomenti...." Chiambretti cerca di estorcergli qualche nome, ma riesce ad ottenerli solo quando c'è lo stacco pubblicitario, e nel rientro in onda ovviamente non fa riferimenti specifici, ma lancia il toto gay dicendo "Ragazzi, non pensavo fossero nomi così importanti! Sono veri e propri miti del calcio italiano!". Inizierà ora la caccia al calciatore omosessuale? Ma alla fine, cosa cambia ai tifosi? Che si baci con un uomo o con una donna, l'importante è che in campo segni!

Articoli Correlati