16 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Il rapporto di coppia può migliorare

  • Il rapporto di coppia può migliorare
Un aiuto a risolvere i problemi di una coppia in crisi Uno dei problemi delle coppie in crisi ? la ferma convinzione che le cose non possano migliorare. Questa convinzione porta con s? una sensazione di impotenza e impedisce

Un aiuto a risolvere i problemi di una coppia in crisi Uno dei problemi delle coppie in crisi è la ferma convinzione che le cose non possano migliorare.
Questa convinzione porta con sé una sensazione di impotenza e impedisce di mettere in atto delle strategie di cambiamento volte a ritrovare il benessere nella coppia.
E’ stato invece osservato che basta che uno solo dei due cominci ad effettuare qualche cambiamento in meglio perché il rapporto ne tragga giovamento; inoltre, il cambiamento di uno dei due partner provoca dei cambiamenti anche nell’altro. Certo non è facile iniziare il cambiamento.
Quello che può succedere quando si prende in considerazione l’idea di cambiare è che ci troviamo di fronte ad atteggiamenti mentali o opinioni radicate che indeboliscono la motivazione.
Raramente queste opinioni risultano valide. “Il mio partner è incapace di cambiare? Questa asserzione è praticamente sempre sbagliata.
Non esistono persone incapaci di cambiare. Il nostro sistema nervoso centrale è organizzato in maniera tale da spingerci all’apprendimento di modi di vedere e strategie sempre nuovi e migliori. “Non c’è nulla che possa modificare il nostro rapporto? Questa è un’affermazione forte e, come tutte le affermazioni che contengono termini tipo “tutto? o “nulla? va verificata. Cominciamo con il mettere a fuoco quali sono i problemi specifici del nostro rapporto. Creiamo un elenco di questi problemi ponendoli in ordine di difficoltà crescente. Cominciamo quindi da quello che ci sembra più facile da affrontare, sforziamoci consapevolmente di applicare delle strategie mirate alla risoluzione del problema e osserviamo i risultati. “Le cose non faranno che peggiorare? Il timore di essere nuovamente feriti, può renderci pessimisti e riluttanti a coinvolgerci di nuovo nella relazione (“se le mie speranze si ridestassero, finirei con il soffrire ancora?, “ meglio non aspettarsi più niente?. Questo atteggiamento di ritiro è senz’altro comprensibile, ma non è indispensabile. Esistono sempre delle ragioni per cui vale la pena di lasciarsi nuovamente coinvolgere. “Se abbiamo bisogno di occuparci del nostro rapporto c’è qualcosa che non va? Innamorarsi è facile, ma per sviluppare e consolidare un rapporto occorrono riflessione e impegno. Due partner iniziano la vita in comune con modi di vivere, abitudini e atteggiamenti che possono essere molto diversi.
E’ necessario impegnarsi per sviluppare capacità di adattamento reciproco, per imparare a comporre le divergenze e trovare l’armonia nel rapporto. “Ormai il danno è troppo grande? Questa affermazione va valutata realisticamente. Fino a quando non avremo tentato qualche rimedio essenziale, non possiamo avere la certezza che il nostro rapporto sia arrivato ad un punto di rottura irreparabile. Consideriamo gli aspetti piacevoli del rapporto.
Quando una coppia attraversa un periodo difficile entrambi i partner sembrano provare una sorta di ‘amnesia’ rispetto a ciò che ciascuno ama nell’altro.
I pregiudizi negativi ci possono impedire di vedere ciò che nella coppia sta funzionando bene e ciò che apprezziamo nel partner.
Mark Kane Goldstein, psicologo dell’Università della Forida ha ideato un metodo semplice ma molto efficace per aiutare le coppie in crisi a concentrarsi di nuovo sugli aspetti positivi del rapporto.
Chiede ad entrambi i coniugi di registrare graficamente, su una carta millimetrata, tutte le azioni piacevoli del partner, attribuendo loro un punteggio da 1 a 10 a seconda della soddisfazione che hanno provocato.
Goldstein ha notato un miglioramento del rapporto nel 70% delle coppie che avevamo usato tale metodo.
Un altro metodo consiste nell’invitare entrambi i partner (o anche uno solo dei due) ad attaccare degli adesivi in posti non visibili degli abiti dell’altro e staccarne uno ogni volta che il partner fa un gesto cortese nei propri confronti.
Di solito alla fine della giornata sono stati staccati tutti… Cerchiamo di intuire i bisogni reciproci e di soddisfarli.
E’ incredibile quanto un rapporto possa migliorare con questo accorgimento.
Si instaura una sorta di circolo “virtuoso?, per cui il partner che nota il comportamento dell’altro volto a dargli piacere a sua volta si sente più bendisposto nei suoi confronti e si sforza di intuire e fare ciò che può dargli piacere o sollievo. Forniamo informazioni precise per guidare la condotta dell’altro. Cerchiamo di far capire al nostro partner cosa desideriamo quando usiamo termini astratti quali gentilezza, comprensione, amore etc. Se gli forniamo informazioni più precise possiamo guidare la sua condotta.
Tali informazioni vanno fornite nel modo più franco e diretto, senza sarcasmi, accuse o insinuazioni.
Può darsi che per “gentilezza? intendiamo che si offra di fare delle telefonate per noi, ma non è detto che il partner debba per forza saperlo.
Non dimentichiamo, infine, di “ricompensare in qualche modo ogni comportamento corretto dell’altro (con un cenno di apprezzamento, o un bacio, ad es.); in questo modo aumenteremo la probabilità che tale comportamento si ripeta. Manifestiamo affetto, sollecitudine, calore.
Non diamo niente per scontato.
Facciamo sentire al pater che ciò che facciamo per lui non è un “dovere", bensì è frutto dell’impegno e del sentimento. Accettiamo il nostro partner.
Il che non significa diventare “ciechi" rispetto ai difetti dell’altro, quanto pensare che si può lavorare insieme per migliorare.
L’ergersi a giudice del nostro compagno non ha altro effetto che farlo mettere sulla difensiva, rendergli difficile il lasciarsi andare e fidarsi di noi. Siamo sensibili ed empatici.
L’attenzione e la partecipazione empatica ai timori e alle difficoltà del partner è essenziale per ridurre sofferenze inutili.
Se la sensibilità non è una nostra dote naturale possiamo coltivarla.
Se ci sembra che il nostro partner reagisca in maniera eccessiva a determinati nostri comportamenti, anziché criticarlo e mantenerci sulla difensiva, cerchiamo di fermarci a considerare quale potrebbe essere il problema sotteso al suo atteggiamento. Proviamo ad esaminare con molto tatto, insieme a lui, quali potrebbero essere i suoi timori o le sue preoccupazioni segrete. Resistiamo alla tentazione di attribuire ogni sua reazione esagerata a qualche sgradevole tratto del carattere e cerchiamo di vederla come il segnale di una vulnerabilità nascosta. Usiamo comprensione.
Cerchiamo di vedere le cose con gli occhi del partner, non solo con i nostri.
Mettiamoci nei panni dell’altro. Coltiviamo l’intimità.
Coltivare l’intimità significa tante cose: rivelarsi i segreti più riposti, che non si rivelerebbero ad altri; fare insieme le piccole cose di ogni giorno; ritagliare spazio e tempo per i rapporti sessuali. Offriamo sostegno.
Diamo al nostro partner un senso di sicurezza, facendogli capire che può fare affidamento su di noi nei momenti difficili. Se pensiamo che il nostro rapporto sia in crisi, non perdiamo tempo ad incolparci a vicenda. Non importa stabilire chi abbia torto o ragione, ma mettere in atto nuove strategie atte a consolidare il rapporto.
Non è necessario che entrambi i partner si muovano contemporaneamente.
Basta che uno dei due prenda l’iniziativa di ridare vigore al rapporto o di arrestarne il deterioramento prima che sia troppo tardi.
Se si è imboccata la direzione giusta probabilmente si muoverà anche l’altro partner. Ci si potrà accorgere che, anche senza la sua partecipazione attiva, i propri cambiamenti avranno su di lui un effetto positivo.
Inoltre, quasi sempre uno dei due è più preparato, più pronto ad iniziare il cambiamento, perché ha più strumenti, è più motivato o anche semplicemente perché soffre di più. Naturalmente può capitare che uno dei due partner o entrambi presentino dei tratti di personalità tali da rendere davvero ardua la convivenza.
Ma di questo potremo renderci conto solo dopo esserci sforzati davvero di migliorare le cose.
E anche in questo caso, non diamoci per vinti.
Se siamo davvero motivati, con l’aiuto di un professionista e il nostro impegno potremo farcela.

Articoli Correlati